La Cassazione: Al Bano mantenga le figlie. Lui: è uno scandalo

Non è esattamente "Felicità" quella di Al Bano alla notizia della sentenza della Cassazione. Romina Power, sua moglie per 29 anni, ha avuto ragione e le loro figlie (maggiorenni) Cristel e Romina junior riceveranno dal Melodioso di Cellino un "congruo assegno". Il signor Carrisi: "E' uno scandalo, è stata lei ad andarsene. L'unico aspetto positivo della sentenza è che non dovrò più dare l'assegno a Romina, 3600 euro al mese". La Cassazione ha ricordato al cantante che "i figli si mantengono fino a quando non raggiungono l'indipendenza economica". Ancora Al Bano: "Se dovrò versare più soldi, non vorrei che mi costringessero ad andare a rubare. In questi anni ho pagato tutto io. I figli li ho cresciuti io. Mi sono ritrovato a fare da padre e da madre, mentre Romina aveva le crisi esistenziali".
(Fonte: "la Repubblica", "QN-Il Giorno", "Il Messaggero")
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.