Musica digitale, in UK l'industria vuole una fetta maggiore degli introiti

L’industria musicale britannica bussa alla porta degli Internet service provider, dei negozi di musica digitale e delle aziende di telefonia mobile che fanno soldi chiudendo un occhio sullo scambio di file illegali e incrementando, con la musica, il traffico sui propri portali. Obiettivo, sottoscritto da una federazione composita di enti che comprende l’agenzia di collecting degli autori MCPS-PRS, il sindacato dei musicisti e l’associazione delle indie Aim, quello di aggiudicarsi una fetta di quegli introiti senza incidere più di tanto sulla spesa dei consumatori: incassando cioè non una royalty volta per volta ma un diritto di licenza “una tantum” dai distributori di contenuti musicali (c’è già anche un nome provvisorio: Value Recognition Right).
“Crediamo che si tratti della risposta potenzialmente più innovativa ed efficace ai problemi che le attuali leggi sul diritto d’autore non sono in grado di risolvere” ha spiegato la presidentessa della Aim, Alison Wenham. Ma per ora si tratta di un’idea appena abbozzata: la stessa Welham non ha saputo quantificare il costo ipotetico della licenza, né quanto questa potrebbe portare nelle casse degli operatori musicali. Ammesso che telefoniche, ISP e digital store non abbiano nulla da obiettare.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.