Sesso e rock, Joan Jett critica le nuove cantanti

Joan Jett, la quale ha recentemente pubblicato "Sinner", il suo primo completo album di studio dopo dodici anni, ha affermato che la gente si sente minacciata dalle donne che fanno rock. "Suonare rock'n'roll è una cosa che implica la sessualità. Quando una ragazza fa rock, è come se dicesse 'Sono io che possiedo la mia sessualità'. E certa gente pensa che sia una cosa minacciosa". Poi la cantante, specialmente nota per il singolo "I love rock'n'roll" del 1982, ha criticato le nuove leve femminili. "Molte nuove cantanti, come ad esempio Ashlee Simpson, sono diverse da quelle della mia generazione. Per queste nuove artiste si tratta di un diverso tipo di sessualità. Loro è come se dicessero 'puoi farmi quello che ti pare', noi invece dicevamo 'ecco quello che ti farò!'".
Il vero nome dell'artista è Joan Larkin, nata a Philadelphia il 22 settembre 1960.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.