Quanti figliocci di MySpace: ora ne nasce uno anche in Francia

Spuntano davvero come funghi in tutto il mondo i figliocci di MySpace, piattaforme Internet decise a sfruttare la frequentazione delle “agorà” elettroniche e la propensione alla socializzazione telematica come vetrina e trampolino di lancio per artisti prevalentemente sconosciuti e alle prime armi. Dopo quella creata da Sony BMG (Black Canvas, vedi News), ne sono appena nate due dedicate al pubblico di lingua spagnola, Elhood.com (con base a Miami, contenuto non esclusivamente musicale e indirizzato a un pubblico ispano-americano)e La zona.com, creata da MTV Networks Latin America (oltre 12 mila utenti già registrati, mentre le band e artisti che hanno deciso di farne uso avrebbero già superato quota 10 mila).
L’esempio a noi più vicino arriva però dalla Francia, dove è società di produzione televisiva TF1 a lanciare WAT (We Are Talented, indirizzo www.wat.tv), un portale attraverso cui chiunque può diffondere canzoni e videoclip rendendoli disponibili per lo streaming e/o il download. Il servizio, che per la sua sussistenza economica si basa esclusivamente sulla raccolta di pubblicità, è completamente gratuito per gli utenti e, come sempre accade oltralpe, è fortemente caratterizzato in senso nazionale. “La nostra”, ha spiegato il direttore editoriale Stéphane Beillaud al sito Billboardbiz.com, “è un’alternativa francese a MySpace, che è tipicamente anglosassone”. I gestori di WAT forniscono contenuti editoriali a sostegno degli artisti che decidono di utilizzare la piattaforma e stanno considerando la possibilità di aiutarli a vendere direttamente musica in download ai consumatori. Il servizio, aggiungono, è rivolto principalmente a un pubblico compreso tra i 15 e i 34 anni di età.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.