NEWS   |   Italia / 12/06/2006

Negramaro: ‘Ecco come vogliamo ringraziare i nostri fan’

Negramaro: ‘Ecco come vogliamo ringraziare i nostri fan’
I Negramaro vogliono ringraziare i propri fan: questa l'idea che ha spinto il gruppo a programmare una serie di date estive in aggiunta a quelle del lungo tour conclusosi lo scorso marzo.
“Il nostro obiettivo è quello di raggiungere posti che, per forza maggiore, nel corso della nostra ultima tournée siamo stati costretti a ‘trascurare’, magari negando, per cause di forza maggiore, delle date bis”, raccontano i Negramaro a Rockol in un ristorante vicino a Piacenza, dove sono in corso – allo storico Fillmore - le prove. La tranche estiva di concerti verrà inaugurata il prossimo 16 giugno al Jammin’ Festival di Imola e si concluderà, con un grande evento alla quale prenderanno parte “very special guest” (al momento “segreti”), a Lecce nei primi di agosto.
“A Morrissey chiederemo scusa”, scherza Giuliano, autore e frontman della band salentina: “Suonare dopo di lui, a Imola, per noi è un grande onore”.
“In verità, gli organizzatori del festival - continuano - ci avrebbero voluto come headliner di una data dedicata al panorama italiano, ma – dopo aver saputo della presenza dei Depeche Mode – abbiamo voluto essere presenti in occasione della stessa data”. Non si aspettino, i fan, delle date “ordinarie”: “Abbiamo ridefinito le scalette, per la nostra tranche di concerti estiva”, ammette Giuliano, “tra le altre cose, nella setlist sarà presente anche ‘Astolfo’, una outtake dal nostro primo album autoprodotto che la community di nostri fan ci ha richiesto a gran voce”.
Ma, nonostante la “sbornia” di live alla quale la band salentina si sta preparando, i Negramaro sono già proiettati in avanti, verso una nuova prova in studio che per i ragazzi di “Estate” protrebbe rappresentare una sorta un tentativo di esportazione. “Inutile nasconderlo”, continua Giuliano, “A noi piacerebbe uscire all'estero. Per ora abbiamo già pronta una versione di ‘Mentre tutto scorre’ con i quattro singoli cantati in spagnolo, poi chissà…”. Già, chissà: “Per ora abbiamo trenta brani, ai quali se ne aggiugeranno sicuramente altri: in nostro obiettivo è quello di entrare in studio verso la fine dell’anno, per poi pubblicare un nuovo album entro la prossima primavera”. Perché la scelta dello spagnolo per invadere i mercati stranieri? “Non vogliamo essere il classico gruppo italiano di successo che viene distribuito all’estero”, precisa il cantante: “Lo spagnolo è una lingua che sentiamo più ‘di pancia’. Il nostro è un progetto 'indoeuropeo’".
Scheda artista Tour&Concerti
Testi