Comunicato Stampa: Remo Anzovino presenta l'album 'Nanook'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

“NANOOK”
il nuovo album di Remo Anzovino
con l’Orchestra Sinfonica San Marco

concerto di presentazione – aperte le prevendite

Concerto di presentazione ufficiale del disco:
26 maggio 2006 ore, 21
Teatro Comunale Giuseppe Verdi – Pordenone

Evento in cartellone per SCHERMO SONORO 2006 (Cinemazero) (Unica data programmata al Teatro G. Verdi)

Proiezione del capolavoro di Flaherty “Nanook l’eschimese” (USA, 1922)
Musica composta e orchestrata da Remo Anzovino eseguita dal vivo dall’Orchestra Sinfonica Sam Marco diretta da Tiziano Forcolin

Biglietti: 10 – 7 – 5 euro/possessori Cinemazerocard euro 8 – 5 – 3 Diritto all’acquisto del cd la sera della presentazione ufficiale in special price
Prevendita: Pordenone – Musicatelli, Piazza XX Settembre, 7; Cinemazero, Piazza Maestri del Lavoro; Mediateca di Pordenone, Piazza della Motta; Plastic, piazzetta dei Domenicani

Dopo lo straordinario successo ottenuto nel luglio 2005 con l’evento inaugurale della X edizione del festival “Al cinema con l’Orchestra” per Cinemazero, Remo Anzovino, a distanza di due anni dal primo album-rivelazione “Dispari”, esce con un nuovo lavoro discografico realizzato questa volta con l’Orchestra San Marco.

Il disco riproduce fedelmente la registrazione effettuata il 3 luglio 2005 in Piazzetta San Marco, quando la nuova partitura scritta appositamente dal compositore pordenonese per il capolavoro di Flahery “Nanook l’eschimese” fu eseguita da 40 professori d’Orchestra diretti sapientemente dal M° Tiziano Foroclin per accompagnare dal vivo le immagini del celeberrimo documentario.
Questo nuovo lavoro di Anzovino, che contiene tutti i segni di una vera e propria opera musicale, testimonia la sua continuità creativa e capacità compositiva, esaltata, in questo caso, dalla sapiente direzione del M° Forcolin e dall'ottima esecuzione dell’Orchestra San Marco, il più antico e prestigioso complesso sinfonico della città di Pordenone.
La presentazione del disco al Teatro Verdi è prevista per il giorno venerdì 26 maggio alle ore 21,00 come evento principale (l’unico programmato al Verdi) di Schermo Sonoro 2006, prestigioso festival di musica e cinema ideato da Cinemazero e giunto ormai alla sua 14^ edizione. Proprio in questi giorni si aprono le prevendite per l’evento: è possibile acquistare i biglietti a Pordenone nei seguenti luoghi: Pordenone – Musicatelli, Piazza XX Settembre, 7; Cinemazero, Piazza Maestri del Lavoro; Mediateca di Pordenone, Piazza della Motta; Plastic, piazzetta dei Domenicani. Il prezzo del biglietto è davvero accessibile a tutti (la platea costa 10 euro) e consente di acquistare la sera del concerto il disco “Nanook” a prezzo speciale.
Il concerto si preannuncia come un evento imperdibile poiché l’Orchestra al gran completo ed in veste sinfonica, con al centro Anzovino al pianoforte, eseguirà dal vivo la musica che è contenuta nel cd accompagnando la proiezione del film-documentario “Nanook l’eschimese”, caposaldo assoluto del cinema di tutti i tempi, che narra le gesta di una piccola comunità di eschimesi e che fu girato nel 1922 ad una temperatura sotto i 50° C.

“La linea compositiva scelta da Remo Anzovino per la colonna sonora del documentario di Flaherty è stata quella di contrastare, con una partitura estremamente lirica ed evocativa, gli scenari polari del film che fu girato a meno 50°C! ...di evitare ogni tentazione didascalica;
... di evidenziare il “calore” dello sguardo dei protagonisti, una piccola comunità di inuit che nonostante la precaria vita quotidiana non rinuncia a giocare e amare la vita; ... di contaminare il suono occidentale dell’orchestra con i ritmi “altri” di darabukka, su cui la fisarmonica, a volo d’uccello, fa emigrare le emozioni verso altre latitudini. Remo Anzovino utilizza tutti i colori dell’orchestra, assegnando a determinati registri la guida dei personaggi e degli ambienti: il tema del fagotto introduce il protagonista; quello per arpa, pianoforte ed oboe segna l’innocenza dei bambini come quella di Nanook difronte alla scoperta del grammofono. Questa sequenza-chiave viene sottolineata con un tema delicatissimo, rarefatto in contrasto al suono gracchiante che uscirebbe dal grammofono. Il contrappunto immagini/musica accompagna ritmicamente la visione del film fino alla scena della tempesta di neve dove l’Orchestra, partendo da una cellula ritmica dei violoncelli sui cui il tema dei corni, in un crescendo, emerge in un “tutti” folgorante, che da una ulteriore forza al significato epico delle immagine.
è difficile non sentirsi “dentro” la tempesta e il dramma... e poi il pianoforte - suonato a mo’ di carillon - chiude il film quando Nanook riesce a portare in salvo la sua famiglia, chiude gli occhi, per addormentarsi, fuori dall’igloo c’è un silenzio incantato, i cani da slitta sembrano stalattiti, il vento soffia forte e la vita ricomincia...
con la notte che cade sopra il racconto di Flaherty.
Il disco riproduce fedelmente l’esecuzione avvenuta il 3 luglio 2005 a Pordenone in Piazzetta San Marco in occasione dell’evento inaugurale della X edizione del festival “Al cinema con l’Orchestra”, in co-produzione con l’Orchestra e Coro San Marco diretta da M° Tiziano Forcolin, nell’ambito di “Estate in Città 2005”.
In fase di post-produzione si è voluto non fare sovra-incisioni e lasciare i “rumori della piazza”: la campana del duomo, il gemito di un neonato, il brusio del pubblico che all’inizio si confonde con la misteriosa linea dei contrabbassi e dei violoncelli, il lungo applauso finale.
Una scelta estetica precisa, dunque, quella di lasciare “in partitura” la piazza, come uno strumento, con la stessa importanza degli altri, anche a dimostrazione che l’incontro tra cinema muto e musica contemporanea può essere un grande spettacolo popolare.”
Ado Scaini
Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.