Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 05/06/2006

Alle 'crossroads' del blues: Derek Trucks in tour con Eric Clapton

Alle 'crossroads' del blues: Derek Trucks in tour con Eric Clapton
C’è un osservato speciale, nella band di lusso che Eric Clapton ha assemblato per il tour europeo atteso a luglio in Italia (tre date, il 7 al Summer Festival di Lucca, l’8 a Perugia nell’ambito di Umbria Jazz e il 10 all’Arena di Verona): si tratta di Derek Trucks, ventiseienne chitarrista fenomeno degli Allman Brothers nonché della band che porta il suo nome e a cui, racconta chi ha assistito alle prime esibizioni del gruppo, “Slowhand” concede sul palco numerose occasioni di sfoggiare il suo talento (specie alla slide). Una bella vetrina per il giovane Trucks, apprezzatissimo nel circuito live americano ma ancora poco noto dalle nostre parti, che con il musicista inglese aveva già collaborato in studio lo scorso autunno, prendendo parte alle session di incisione dell’ultimo album “Back home”. “Mi ha telefonato una sera al cellulare mentre tornavo a casa”, ha raccontato Trucks qualche tempo fa al San Francisco Chronicle a proposito dell’offerta ricevuta da Clapton. “Credo sia stato Doyle (Bramhall II, anche lui chitarrista) a fargli ascoltare qualcuno dei nostri dischi perché ci ha sempre apprezzati, ci conosce bene e ha anche suonato nell’ultimo disco di mia moglie” (la cantautrice Susan Tedeschi). “Ovviamente, è stato uno sballo avere la possibilità di trascorrere del tempo con lui, con JJ Cale (produttore del disco) e con Billy Preston, coinvolto anche lui nelle session” ha continuato Trucks, aggiungendo, a proposito del suo successivo ingaggio nella live band di Clapton, che “certe opportunità sembrano irrealizzabili, e quando invece si concretizzano non ci si fa scappare l’occasione”.
Nel gruppo che suonerà in Italia al fianco di Clapton figurano, oltre ai chitarristi Trucks e Bramhall II, Chris Stainton e Tim Carmon alle tastiere, Willie Weeks al basso, Steve Jordan alla batteria, la sezione fiati dei Kick Horns (Simon Clarke, Roddy Lorimer e Tim Sanders) e le coriste Michelle John e Sharon White. Ad aprire i concerti è un altro vecchio pupillo di “Manolenta”, Robert Cray.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi