‘Pericolosi’ per i comunisti ucraini: Black Sabbath e Tina Turner

‘Pericolosi’ per i comunisti ucraini: Black Sabbath e Tina Turner
Era il gennaio 1985. Il Muro di Berlino era ancora al suo posto, come lo erano le divisioni tra Ovest ed Est. L’Europa era spaccata, con la Nato da una parte e la zona d’influenza sovietica dall’altra. In quei giorni il segretario del movimento giovanile comunista dell’Ucraina spediva agli altri dirigenti una lettera informale ma segreta, ha scoperto solo oggi il quotidiano britannico “The Guardian”, in cui si mettevano all’indice degli artisti occidentali giudicati “ideologicamente pericolosi”. La lista, che sinceramente sembra compilata da una persona dalle scarse conoscenze musicali, mette assieme nomi di generi molto diversi tra loro. Il dirigente consigliava di tenere lontane dalle orecchie dei giovani sovietici le canzoni di Donna Summer e Tina Turner in quanto promuovevano l’erotismo, i pezzi dei Canned Heat in quanto a favore dell’omosessualità ed i brani di B-52’s, Black Sabbath e Clash perché carichi di violenza. Menzione negativa speciale per i Black Sabbath: oltre ad essere giudicata come un gruppo violento, la band di Ozzy Osbourne era anche ritenuta portatrice di “oscurantismo religioso”.
Dall'archivio di Rockol - Paranoid, Il capolavoro dei Black Sabbath
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.