Addio a Clifford Antone, re texano del blues

Clifford Antone, proprietario di un negozio di dischi, di una etichetta discografica e di un celebre nightclub musicale di Austin che portano il suo nome, è stato trovato morto nella sua abitazione, apparentemente stroncato da un infarto a soli 56 anni. Grandissimo appassionato di “roots music” e soprattutto di blues, agitatore assai conosciuto e apprezzato della fervida scena musicale cittadina, Antone era diventato famoso portando a suonare in Texas negli anni ’70 bluesmen leggendari come John Lee Hooker, Muddy Waters, Willie Dixon e Jimmy Reed ma anche lanciando nel circuito live talenti locali come Stevie Ray Vaughan. Qualche anno fa aveva avuto qualche guaio con la giustizia, finendo in carcere con l’accusa di traffico di marijuana e di riciclaggio di denaro sporco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.