Omar Pedrini torna alla musica: 'Non ho saputo resistere al suo richiamo'

Omar Pedrini torna alla musica: 'Non ho saputo resistere al suo richiamo'
Ha una motivazione in più, l'ex leader dei Timoria Omar Pedrini, per tornare alla musica e credere nell'album a breve nei negozi, "Pane burro e medicine": due anni fa, durante le prove per il tour di "Vidomàr", suo debutto da solista, un aneurisma aortico rischiò di chiudere per sempre la carriera del cantante e chitarrista bresciano. Dopo due anni di cure, però, l'ex collega di Francesco Renga è pronto a tornare in pista, con un disco fortemente proiettato verso il futuro che conserva, però, una matrice assolutamente tradizionale. "Con 'Vidomàr' ho cercato di allontanarmi il più possibile dalle atmosfere che caratterizzavano i dischi dei Timoria", ci confessa Omar, sorridente anche se un po' affaticato dal tour de force promozionale che lo sta vedendo protagonista in questi giorni: "Così ho affidato l'arrangiamento a dei musicisti votati al jazz, limitandomi a cantare. Dopo più di un anno di sosta, non appena ricevuto il via libera dai medici, per scrivere le nuove canzoni ho ripreso in mano la chitarra elettrica... Mi mancava moltissimo, e non ho saputio resistere al suo richiamo. Tuttavia, non volevo che i brani nuovi ricordassero le composizioni che avevo scritto mentre ero nei Timoria: così ho deciso di affidare la produzione del disco a Cristian Piccinelli, che ha sempre lavorato in ambito dance. Il risultato mi ha lasciato molto soddisfatto, perché l'album suona attuale ma non tradisce le mie radici musicali, che affondano nel rock anni Sessanta e Settanta". Ma cosa intende, Omar, per "sonorità attuali"? "Difficile spiegarlo: i Subsonica sono tra i pochi italiani attuali, insieme a Capossela. Per 'attuale' intendo un disco che viva sullo scenario del proprio tempo, che non ignori i grandi mutamenti che stanno caratterizzando il mondo musicale in questi anni. Trovo che la fusione tra elettronica e sonorità tradizionalmente rock sia attuale, perché offre spazio alle due istanze più sentite, al momento, tra gli appassionati di musica e gli artisti". Nel Cd, tra gli altri brani, trova spazio anche una commossa ballata dedicata a Bertrand Cantat, leader dei Noir Désir attualmente in carcere per l'omicidio della sua compagna Marie Trintignant, intitolata "Dimenticare Palermo" (vedi News): "Lungi da me farne un martire, sia chiaro: la vera vittima di questa triste vicenda è Marie", chiarisce subito Omar, "Ma io, che Bertrand l'ho conosciuto come uomo e come artista, mi sono sentito in dovere di offrire una riflessione su questa disgrazia. Se una persona così sensibile, intimamente buona e lontana dall'immagine di mostro propagandata dai media, in un raptus di gelosia, può arrivare ad uccidere (accidentalmente o meno) la persona che ama di più, vuol dire che in ciascuno di noi, in potenza, può nascondersi un assassino. Poi non posso fare a meno di provare un immenso dolore per lui, per i suoi compagni di band e per la sua famiglia, sapendo che già per tre volte ha tentato il suicidio in carcere... E' una storia, questa, che mi ha molto provato".
Il presente di Omar, però, non è fatto solo di musica: Pedrini, oggi, oltre che a tenere lezioni all'università Cattolica di Milano e Brescia è anche uno stimato autore televisivo. "Ultimamente ho avuto un po' di tempo libero", ci confessa Pedrini tra il serio e il faceto: "Scherzi a parte, i problemi di salute mi hanno costretto a rallentare la mia carriera musicale. Il mio carattere inquieto, però, mi ha portato su altre strade, che ho battuto e continuerò a battere con immenso piacere. Tuttavia, mai come in questi ultimi tempi ho capito come la musica sia la mia passione più forte: le attività che seguo attualmente sono tutte molto interessanti, ma se un domani dovessi tornare ad avere bisogno di più tempo per stare dietro a quella che da sempre è stata la mia prima occupazione, non esiterei a tornare sui miei passi per dedicarmi anima e corpo alle sette note".
Dall'archivio di Rockol - racconta "Come se non ci fosse un domani"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.