Con Zucchero il gran finale della prima serata, all’Heineken Jammin’ Festival

Con Zucchero il gran finale della prima serata, all’Heineken Jammin’ Festival
Sale sul palco alle 22.30, come da copione: bandana rossa, occhiali da sole, giacca di vinile nera, accompagnato dalla sua numerosa band, attacca subito con il suo hit del momento, “You make me feel love” mentre il maxischermo proietta le immagini di una stella rossa e altri disegni in uno stile che ricorda i più recenti tour degli U2. Il ritmo incalza da subito, mentre Zucchero stuzzica i ventimila dell’autodromo con un po’ di dance music, passando poi a eseguire “Forever you man”, “Back to you” e “Arcord” – con l’omaggio ad Augusto dei Nomadi. Lo schermo si riempie di stelle mentre partono le note di “Blu”, dal ritornello irresistibile: Michele Pecora o no, il pubblico canta a squarciagola e per le coppiette ci scappa pure il bacetto romantico a occhi chiusi. Segue “Eppure non t’amo”, ancora dal più recente album “Bluesugar”, mentre l’asino che occhieggia dal maxischermo introduce “Donkey Tonkey”. Il groove spezzettato del brano lascia il posto ad una serie di pezzi funky e tirati come “Voodoo”, “Pompa” e “OLSMM” , mentre l’atmosfera si ammorbidisce con “Dune mosse”, Hey man” e “Eccetera eccetera”. Si torna su di giri con “Overdose d’amore”, seguita dai classici della vecchia produzione come “Pippo”, “Il mare impetuoso…” e la più lenta e riflessiva “Wonderful world”. Il concerto prende una piega più intimista, e arrivano canzoni come “Così celeste” , “Il volo” e “Diamante”. Siamo ormai alle ultime battute prima dei bis, si imbocca la dirittura d’arrivo con un altro classico, “Solo una sana e consapevole…” seguita da “Diavolo in me”, con tanto di organo da chiesa e apertura da sermone gospel. Si chiude con “Mama”, dopo una lunga improvvisazione dei fiati, con Zucchero che saluta, ringrazia e va via. Ricompare poco dopo con un enorme cappello a stelle e strisce per cantare il primo dei bis, “X colpa di chi”, mentre sullo sfondo si materializza un enorme gallo gonfiabile: Zucchero rompe la tensione accumulata per tutto il concerto e balla felice e sorridente, trascinando il pubblico nel finale. Gli altri due bis originariamente in programma (“Con le mani” e “I tempi cambieranno”/”Hai scelto me”) vengono accantonati data l’ora tarda, e d’altra parte nessuno potrebbe chiedere di più: sono passate due ore e venti minuti dall’inizio del concerto. Un bello spettacolo, in definitiva, che sta a Zucchero come quello dello scorso anno sempre qui stava a Vasco: piuttosto il fatto di aver radunato qui soltanto ventimila persone rispetto alle 100 e passa mila del rocker di Zocca, dovrebbe far riflettere Sugar su quanto il suo appeal nei confronti del pubblico sia decisamente scemato, soprattutto sul fronte live. Per colpa di chi?

Dall'archivio di Rockol - racconta il tour di "Black cat" e il ritorno all'Arena
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
23 apr
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.