Comunicato Stampa: La storia della Cinevox su Radio1

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Radiounomusica presenta

LA STORIA DELLA CINEVOX
A VILLAGE
DAL 17 AL 21 APRILE 2006
ORE 13.33.

Village, il programma di approfondimento musicale di Radio1 condotto da Silvia Boschero, dedica la settimana dal 17 al 21 aprile alla storia della gloriosa etichetta discografica Cinevox, che si è pregiata dagli anni Sessanta delle più importanti colonne sonore made in Italy: dalle musiche di Morricone per “Indagine di un cittadino al di sopra di ogni sospetto” a quelle dei Goblin per i classici di Dario Argento. Martedì 18 ospite dei nostri studi sarà Franco Bixio, presidente della Cinevox.

La Cinevox Records fu creata da Cesare Andrea Bixio (padre di Franco Bixio) a metà degli anni Sessanta. Il primo album fu del 1966: la colonna sonora di “Poppy Is Also Flower”, film diretto da Terence Young, già noto per la serie di James Bond. Il secondo fu un disco di musica sacra, “Vaticano II”. Da allora sono stati stampati 200 dischi tra cui “Giù la testa”, “Metti una sera a cena” di Morricone, “La notte” del jazzista Giorgio Gaslini, ma anche la colonna sonora di “Profondo rosso” di Dario Argento a cura dei Goblin, album record da milioni di copie. Tanti i musicisti di varia estrazione che negli anni hanno lavorato per la Cinevox: Keith Emerson, Bill Wyman, Armando Trovajoli, Piero Umiliani, Nino Rota, Stelvio Cipriani, Piero Piccioni, Riz Ortolani tra i tanti
Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.