Mobile Entertainment Market: il ‘MEM ’06’ ai blocchi di partenza

Il mercato del mobile entertainment varrà 42 miliardi di dollari nel 2010: con queste premesse viene lanciato il convegno “Mobile Entertainment Market (MEM)”, un evento del Mobile Entertainment Forum (MEF) che, per l’edizione 2006 in programma i prossimi 24 e 25 maggio a Londra presso l’Islington's Business Design Centre, è previsto che raccolga un’adesione di addetti ai lavori superiore del 40% rispetto a quella dello scorso anno.
Giunto alla sua sesta edizione, il MEM rappresenta l’appuntamento nodale per gli operatori attivi tra i carrier, gli editori, i content aggregator: oltre 100 relatori suddivisi in tre filoni di conferenze, panel e focus dedicati ai fatti salienti del comparto, con un seminario focalizzato sul futuro del Digital Rights Management; il tutto immerso in uno spazio fieristico che si annuncia affollato di espositori. Con l’occasione, infine, come di consueto, gli organizzatori attribuiranno la loro onorificenza annuale, il cosiddetto “Meffy”, con una speciale cerimonia di premiazione.
Appare chiaro che il dibattito relativo al tema dell’intrattenimento sui cellulari è destinato a surriscaldarsi parecchio nei prossimi mesi: ci troviamo, infatti, in una situazione in piena evoluzione, che vede competere da un lato media company e content provider, dall’altro gli operatori di telefonia, con i primi sempre più insofferenti rispetto a un modello di business basato sul ‘revenue sharing’ che, dal loro punto di vista, ne penalizza i ricavi e soprattutto la possibilità di mantenere una relazione diretta con i consumatori finali.
L’organizzazione è a cura di Informa; ogni dettaglio è disponibile sul sito www.mem06.com.
Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.