Comunicato Stampa: Il rock di Johnny Cash rivive nel carcere di Bollate

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

IL ROCK DI
JOHNNY CASH
RIVIVE NEL CARCERE DI BOLLATE


MARTEDI’ 16 MAGGIO
Ore 21:00
Presso il Teatro Interno della CASA DI RECLUSIONE di BOLLATE
Via Belgioioso, 120 Bollate (MI)

La magia e il messaggio di WALK THE LINE- Quando l’amore brucia l’anima, film che riporta alla memoria la vera storia di Johnny Cash, icona del rock’n’roll e del country americano degli anni ‘60, potranno rivivere attraverso un concerto tributo che la 20th Century Fox Home Entertainment organizza in occasione dell’uscita del film in DVD, in collaborazione con la Casa Circondariale di Bollate (Mi) all’interno del teatro del carcere stesso.
Il gruppo musicale Espressione Sonora della Casa Circondariale di Bollate, composto da alcuni musicisti della struttura, si esibirà sulle note dei successi di Johnny Cash, al cospetto di tutti gli altri detenuti in un evento aperto al pubblico.

In concomitanza con la possibilità di raccogliere gli stimoli espressi da questo film, che ha ottenuto tre Golden Globes 2006 e la vittoria di un OSCARÒ di Reese Witherspoon nei panni di June Carter, nasce l’idea di suonare all’interno di un carcere, come Cash fece alla Prigione di Folsom, il luogo che lo avvicinò alla musica e alla spiritualità.

La direzione artistica dell'evento musicale è affidata a Massimo Priviero che ha inoltre coordinato i musicisti detenuti. Il rocker italiano per l'occasione terrà anche un suo concerto, in previsione dell' uscita del suo nuovo album prevista per fine settembre (MBO/UNIVERSAL).

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria al numero 02/723252222, dal lunedì al venerdì dalle ore 16.00 alle ore 18.00

Il penitenziario di Bollate conferma anche in questa occasione il merito di proporre un’apertura nei confronti di diverse attività ricreative ed artistiche, producendo mostre, organizzando spettacoli teatrali e musicali, aprendo le porte del carcere al mondo esterno.
Massimo Priviero (www.priviero.com), “menestrello rock” presente nella scena musicale italiana già da un ventennio e sempre alla ricerca di un linguaggio musicale che prende spunto dai maestri del rock e del blues “mainstream”, ha inciso diversi album e si è ritagliato uno spazio intimo e particolarissimo, fatto di grande equilibrio tra testi e musica, di influenze internazionali e fruttuose collaborazioni con alcuni tra i più grandi nomi della musica, americana in particolare.
Massimo Priviero ha dentro di sé la forza del musicista rock che ama far parlare in musica i suoi racconti, attraverso storie di vita, di energia,di sogno. E' stato così fin dall'inizio, sul finire degli anni ottanta, quando fu tra i primi in Italia a cercare di ispessire li rock con la poesia.

WALK THE LINE- Quando l’amore brucia l’anima ( in DVD dal 10 maggio ) parla di un uomo, dell’amore e della energia travolgente della musica che può esaltare così come annientare. Un film che suggerisce come si possa continuare a credere nella redenzione e nella forza di volontà di ciascuno. Una storia d’amore profondo, per un fratello, per la donna della vita e per il rock’n’roll. Morte, amore, inganno, peccato, speranza e fede: questi sono i temi delle canzoni di Johnny Cash, racchiusi in uno stile minimalista, travolgente e molto viscerale. Sul palco Cash è in grado di trasmettere tutto questo al suo pubblico e lo dimostra sino al momento topico della sua carriera, quando nel 1968 incide il live presso la prigione di Folsom al cospetto di tutti i detenuti. A quell’ epoca Johnny ha conquistato tutto, soprattutto l’amore di June Carter, dopo un ventennio trascorso in un turbinio di concerti, un primo matrimonio, due figlie, il divorzio, l’assunzione di anfetamine e il baratro della dipendenza dalla droga e dall’alcol e non da ultimo il carcere. June Carter, sebbene profondamente innamorata del suo John, ha avuto la forza e il grande merito di riuscire ad aspettare, di saperlo “tenere in riga”, di riportarlo a galla e, solo dopo averlo curato e riportato ad una vita sana, è stata pronta per sposarlo.

Music Biz Cafe, parla Davide D'Atri (presidente e ad di Soundreef)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.