EMI offre oltre 4 miliardi di dollari per Warner: respinti al mittente

Le voci della vigilia lo davano già come un affare fatto, e in molti si erano scatenati a immaginare il futuro di Edgar Bronfman Jr., una volta che avesse lasciato spazio alla coppia composta da Eric Nicoli e Alain Levy (sarebbe tornato in gioco acquistando il 50 % di Sony BMG da Bertelsmann?). Invece niente: l’imprenditore canadese, boss di Warner Music, e le banche d’affari che lo finanziano hanno rifiutato l’offerta di acquisto avanzata dalla EMI, 4,2 miliardi di dollari pari a 28,50 dollari per azione. La conferma ufficiale è arrivata da un comunicato diramato dalla stessa società inglese, che spiega di avere inoltrato una proposta formale di acquisto (parte in contanti, parte in azioni) lunedì scorso, 1° maggio. Il giorno dopo Warner ha risposto altrettanto ufficialmente di non essere interessata a discutere l'affare. Risultato: flessione nella quotazione del titolo EMI (- 2,8 %, 274 pence) e risalita del titolo Warner (+ 1,1 %, 27,29 dollari).
Tutto finito? “Il consiglio di amministrazione della EMI”, si legge nel comunicato succitato, “continua a credere che un’acquisizione di Warner Music risulterebbe molto interessante per entrambi i gruppi di azionisti, ma perseguirà soltanto una transazione che procuri valore aggiunto e un incremento degli utili ai propri azionisti”. Una possibilità, dunque, resta aperta: negli ultimi cinque anni, EMI e Warner avevano tentato già due volte di organizzare una fusione societaria (vedi News); allora però la casa discografica americana non era ancora in mano a Bronfman ma alla megacorporation mediatica Time Warner.
Music Biz Cafe, parla Davide D'Atri (presidente e ad di Soundreef)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.