Comunicato Stampa: Marco Parente a Fabbrica Europa

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

MARCO PARENTE A FABBRICA EUROPA
VENERDI' 5 MAGGIO - h. 21:00
STAZIONE LEOPOLDA - FIRENZE

Venerdì 5 maggio inaugura la XIII edizione di Fabbrica Europa: laboratorio del possibile. Un laboratorio del possibile che indaga procedure vive e risultati esibiti, proponendo, da Firenze e dalla Toscana all’Europa e al mondo, di rinnovare insieme agli artisti (provenienti da 15 paesi europei, da Egitto, Brasile, Bolivia, Africa) la fiducia nei propri mezzi, nella propria scienza, nella propria arte e in un pubblico capace di interrogarsi più che di consumare.

In tale occasione, dove arti e performer si intrecciano uno all'altro, Marco Parente salirà sul palco per presentare "Il Rumore dei Libri", insieme a lui Dario Buccino: musicista/compositore di lamiere. Alle 19.30, invece, sempre alla Stazione Leopolda, si svolgerà un incontro con il pubblico.
Marco Parente è un cantautore immerso da anni in una caparbia sperimentazione sulle possibilità poetiche della canzone, un militante instancabile di quella via italiana al rock da camera che gli ha affiancato di volta in volta compagni di viaggio come Cristina Donà, La Crus, Afterhours. Ultima collaborazione proprio con Manuel Agnelli (Afterhours) e Marco Iacampo (GoodMorningBoy) nel singolo "Neve Ridens", in un intreccio di voci che ha dato vita al brano che ha anticipato la pubblicazione di "Neve Ridens (Ridens)", stampato da Mescal lo scorso 24 febbraio. E ora ha scoperto un tesoro.
Si tratta di Baobab, un archivio di poesia sonora dove decine di poeti dal mondo intero hanno testimoniato nel corso degli anni la propria opera attraverso il nudo strumento della propria voce. E' da tale ritrovamento che nasce l'idea della performance "Il Rumore dei libri" dove Marco Parente interagisce in una alchimia sofisticata con le voci di Baobab, inventando un concerto dove i vecchi “mangia-cassette” con le voci registrate e la carta stessa dei libri diventano inediti strumenti musicali da affiancare a quelli tradizionali. Un evento, dunque, che ridà vita alle letture più disparate - da Ezra Pound a Elio Pagliarani, da Kurt Schwitters a Tommaso Kemeny, da William Burroughs a Ilmar Laaban - trasportandole direttamente alle orecchie del pubblico. Lo spettacolo “Il Rumore dei libri” è strettamente legato al progetto discografico “Neve Ridens” (Mescal/Sony), e al progetto letterario “Poiesis” (City Lights/Giunti), che arriverà sugli scaffali a maggio, basato interamente sulla poesia sonora (formato libro+cd) che vede Marco Parente nella veste di direttore artistico.

Appuntamento:
Venerdì 5 maggio - h. 21:00
Stazione Leopolda - Firenze
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Enzo Mazza (FIMI)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.