Trascinata in tribunale la famiglia del rapper Proof

La famiglia di Keith Bender Jr. vuole i danni da Proof. I familiari del 35enne Bender, scomparso a pochi giorni di distanza dal rapper dei D12 (vedi News), hanno presentato tutti gli incartamenti necessari al tribunale della contea di Wayne nel Michigan per ottenere soddisfazione economica dagli eredi di Proof, in merito alla sparatoria dell’11 aprile scorso dove Proof prima e Bender poi hanno trovato la morte. “Proof ha aggredito violentemente Bender, concludendo con un colpo di pistola che l’ha condotto alla morte”, si legge nei documenti processuali. “E’ una vergogna eleggere ad eroe e martire un uomo come Proof, che con la sua condotta ha invece terminato l’esistenza di un innocente”, ha commentato Michael Cafferty, avvocato della parte lesa. Intanto è stato reso noto il risultato dell’autopsia sul corpo del rapper: Proof non aveva fatto uso di droghe la sera della sparatoria, ma il livello di alcol era quattro volte superiore al minimo consentito dallo stato del Michigan.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.