Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 08/05/2006

Musica digitale, Loudeye (OD2) vende in Usa e punta sull'Europa

Musica digitale, Loudeye (OD2) vende in Usa e punta sull'Europa
Tra America ed Europa, e nell’impossibilità di integrare senza troppe complicazioni due piattaforme tecnologiche sostanzialmente diverse, la società di Seattle ha scelto il Vecchio Continente, cuore dei suoi affari dopo l’acquisizione di OD2 (vedi News): questa, in sostanza, la strategia che sta dietro alla decisione di Loudeye di vendere i suoi interessi americani (valore dell’operazione: 11 milioni di dollari in contanti) a Muze, società fornitrice di servizi e contenuti editoriali a siti come eBay, Amazon, RealNetworks, Tower Records e Virgin Megastores.
La cessione riguarda le attività di “hosting” ed “encoding” digitale (che hanno tra i clienti la major EMI), i servizi commerciali per Web e telefonia mobile impiegati dalle piattaforme che vendono musica e video ai consumatori (Loudeye è una cosiddetta azienda “b2b”, che non tratta direttamente con il pubblico), un amplissimo catalogo di “sample” audio e i servizi di radio on-line. L’operazione, spiega un comunicato diramato dall’azienda, permetterà a Loudeye di “concentrare la maggior parte degli sforzi in Europa”, dove dal 2004 controlla On Demand Distribution (OD2), impresa di servizi per il digitale co-fondata da Peter Gabriel (vedi News) la cui acquisizione le ha permesso di diventare il maggiore venditore europeo di download musicali in formato Windows Media (WMA).
Complessivamente, la transazione riguarda circa un quarto del volume d’affari di Loudeye che in questo modo, oltre a incassare denaro fresco, provvede a tagliare drasticamente costi di esercizio ed eliminare sovrapposizioni di funzioni, dal momento che anche la maggior parte del suo personale di stanza negli Usa passerà in organico a Muze. In seguito all’operazione, Loudeye manterrà comunque i suoi quartieri generali a Seattle (ma con uno staff notevolmente ridotto) e continuerà ad essere quotata in Borsa negli Usa. I suoi altri uffici hanno sede a Londra, Bristol, Parigi, Colonia e Milano.