Usa, Napster torna al file sharing (legale e a scopo di lucro)

Come Tiscali in Italia e in Inghilterra (vedi News) anche l’ex nemico pubblico numero uno della discografia torna alla sua rivoluzionaria “invenzione”, il file sharing musicale. Stavolta, però, si tratta di un peer to peer assolutamente legale, “protetto” da rischi pirateria e finalizzato a scopi autopromozionali e commerciali: l’obiettivo ultimo, come nel caso dell’azienda italiana, resta quello di vendere musica in download o servizi in abbonamento. Dal 1° maggio, dunque, gli utenti del Napster americano possono accedere liberamente al catalogo di due milioni di brani decidendo di ascoltare gratuitamente in streaming le canzoni preferite fino a cinque volte, senza necessità di scaricare alcun software aggiuntivo (a differenza di quel che accade con il servizio di Tiscali) ma semplicemente registrandosi con il proprio indirizzo e-mail. Esaurito il credito dei cinque “stream”, il file può essere acquistato al consueto prezzo di 99 centesimi di dollaro; oppure, in alternativa, il cliente può decidere di abbonarsi a uno dei “pacchetti” di musica in abbonamento offerti dalla società. Gli audio stream possono anche essere trasmessi gratuitamente ad altri utenti via e-mail, instant message, blog o sito Web; mentre un nuovo spazio pubblico creato sul sito, Narchive, permette a chiunque di diffondere propri diari, foto, musica o altro. Alla compensazione economica dei titolari dei brani, etichette, editori, autori e interpreti, provvedono gli introiti pubblicitari: Napster vende banner sulla sua home page e include messaggi audio e video a pagamento nel suo music player, il programma impiegato per la riproduzione dei file.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.