Musica digitale: Tiscali introduce il p2p legale, ma solo in streaming

Con il consenso delle maggiori case discografiche e grazie alla collaborazione dell’azienda canadese Mercora, cui si deve lo sviluppo della piattaforma tecnologica, Tiscali è il primo Internet service provider a sperimentare in Europa (Italia e Inghilterra) un servizio di peer-to-peer musicale gratuito, “protetto” e sui generis, in quanto consente di accedere a un catalogo di tre milioni e mezzo di brani non in download ma soltanto in streaming: una sorta di Web radio creata dagli utenti, insomma, o un “free JukeBox” come preferisce chiamarlo l’azienda sarda.
Per attivarlo bisogna scaricare dal sito htttp://jukebox.tiscali.it (su una casella di posta elettronica Tiscali) il software che permette di accedere al servizio e al suo motore di ricerca: a quel punto si può decidere di ascoltare le playlist compilate dagli altri utenti oppure di ricercare, nel catalogo di brani messi in condivisione, i titoli preferiti classificati per autore e genere musicale, arricchendoli con immagini, biografie e podcast, ove disponibili.
Se si desidera scaricare permanentemente i brani sul computer, è invece necessario collegarsi al negozio on-line di Tiscali e acquistarli al solito prezzo di 0,99 euro a canzone (e in questo risiede il vantaggio economico del provider): non tutti, però, ma solo il milione circa di titoli la cui vendita on-line è già stata autorizzata dalle case discografiche. Queste ultime, attraverso la società SCF che ne amministra i diritti economici, hanno dato il loro consenso all’iniziativa fornendo a Tiscali una licenza sperimentale di "Webcasting".
Music Biz Cafe, parla Davide D'Atri (presidente e ad di Soundreef)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.