Legge sulla discografia: FIMI trasmette le sue proposte alla nuova maggioranza

Riprendono i lavori alle Camere "ridisegnate" dalle ultime elezioni politiche, e la maggiore associazione dei discografici italiani (in termini di quota di mercato) ne approfitta per rilanciare una proposta di legge di settore modellata su quella che dal 2001 disciplina l’editoria: cinque brevi articoli che, informa una nota diramata dalla federazione, sono già stati trasmessi ai suoi “contatti istituzionali” per sensibilizzarli sull’argomento e accelerare l’avvio di un auspicabile dibattito parlamentare.
I punti chiave del piano normativo anticrisi elaborato da FIMI riguardano temi di cui da tempo si discute tra addetti ai lavori: rilancio della produzione discografica sfruttando le opportunità offerte dai nuovi media, promozione della musica italiana all’estero, misure di defiscalizzazione per le imprese che investono nella ricerca e nello sviluppo di nuovi talenti. Più in dettaglio, l’organizzazione di categoria propone un contributo forfetario annuo di 20 milioni di euro per la digitalizzazione dei cataloghi e l’incremento dell’offerta musicale on-line (ma anche per la realizzazione di video musicali di rilievo artistico-culturale), la creazione di un ufficio per la promozione della musica italiana all’estero da costituirsi presso il Ministero dei Beni Culturali con l’inclusione di membri “tecnici” e politici (c’è già anche un nome: Promitaliamusica), l’introduzione di un credito d’imposta del 5 per cento sugli investimenti sostenuti da qui alla fine del 2008 per spese di registrazione e promozione di nuovi artisti e l’ammodernamento tecnologico-digitale delle strutture di produzione e distribuzione.
“Ci auguriamo che le forze politiche vogliano considerarla come un buon punto di partenza per la formulazione di una legge che, in questo caso, riguarderebbe la discografia e non l’intero settore musicale. Viste anche le negative esperienze delle precedenti legislature, abbiamo preferito concentrare gli sforzi sul nostro settore specifico formulando una bozza più snella e di contenuto prevalentemente economico-finanziario”, ha spiegato a Rockol il presidente FIMI Enzo Mazza: modifiche all’Iva, quote radiofoniche protette e musica dal vivo, dunque, saranno eventualmente materia di altri provvedimenti.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.