Braccio destro di Jay-Z ammette d'aver aggredito il cantante R. Kelly

Braccio destro di Jay-Z ammette d'aver aggredito il cantante R. Kelly
Si è dichiarato colpevole l’uomo che accecò con uno spray al pepe R. Kelly lo scorso 30 ottobre 2004. Tyran "Ty Ty" Smith, vice presidente della Def Jam Records e caro amico di Jay-Z, si è presentato davanti al giudice il 24 aprile per rispondere dell’accusa di condotta disdicevole, in merito all’incidente avvenuto al Madison Square Garden di New York durante il tour congiunto tra R. Kelly e Jay-Z(vedi News). Grazie all’ammissione di colpevolezza Smith non dovrà andare in carcere, ma solo dedicare quattro giorni ai servizi per la comunità e due ad un consulto sul controllo della rabbia. Chiusa la parte penale, quella civile deve però ancora iniziare: R. Kelly ha chiesto un risarcimento danni di 91 milioni di dollari a Smith e Jay-Z. Secondo fonti ben informate però, il cantante sarebbe vicino a chiudere anche questo capitolo e starebbe trattando per ottenere tramite i legali delle due parti la somma definitiva di 16 milioni di dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.