Usa, musica e video pirata su un sito collegato a Yahoo!

Il settimanale musicale Billboard rivela che il sito Webjay.org, un tempo dedito esclusivamente alla condivisione di playlist di canzoni e videoclip autoprodotti, è diventato un punto trafficato di scambio di materiale protetto da copyright. Poiché l’impresa fondata da Lucas Gonze appartiene dal gennaio scorso a Yahoo!, il caso assume rilevanza internazionale e quest’ultima rischia l’incidente diplomatico con le major discografiche, suoi abituali partner per il servizio di download legale MusicMatch (vedi News) e per la piattaforma di video streaming che è diventata un fiore all’occhiello del suo portale Web. Tra le decine di migliaia di playlist fornite dagli utenti e pubblicate su Webjay, scrive Billboard, ce ne sono diverse centinaia che contengono link per scaricare gratuitamente e abusivamente canzoni di Beatles, 50 Cent, Beyoncé e Gorillaz o video di Madonna, Kelly Clarkson, Norah Jones e Usher.
Chiamata in causa dal periodico americano, Yahoo! ha risposto attraverso un portavoce che intende rispettare i diritti d’autore e che provvederà a rimuovere dal sito i file che violano i copyright, sottolineando che il processo di incorporazione di Webjay è ancora in una fase di transizione: ma alcuni dirigenti discografici che hanno preferito mantenere l’anonimato hanno replicato di non capire perché la Web company non abbia provveduto da subito a introdurre dei sistemi di filtro del materiale pirata, mentre un noto avvocato (anch’egli anonimo) del music business ha sostenuto che il Webjay di oggi assomiglia al vecchio Napster. Non è neanche la prima volta che Yahoo! incorre (involontariamente) in questo genere di problemi: qualche mese addietro la società era incorsa nelle ire delle case discografiche per il comportamento disinvolto del suo portale cinese, attraverso il quale era possibile connettersi a numerosi siti che consentono il download di musica illegale. Yahoo!, conclude Billboard, è ancora lontano dal realizzare il suo ambizioso progetto, che è quello di sviluppare una grande comunità interattiva di scambio di musica e video nel pieno rispetto dei copyright: un obiettivo che si scontra con la realtà della rete, tuttora caratterizzata da immensi flussi di materiale “pirata” e non autorizzato.
Music Biz Cafe Summer: le conseguenze della pandemia su major e indie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.