Sotto sequestro la villa di Baglioni a Lampedusa

Sotto sequestro la villa di Baglioni a Lampedusa
Nella giornata di ieri un blitz della Guardia di Finanza ha fermato i lavori di costruzione di una villa acquistata da Claudio Baglioni in località Calacreta, su una scogliera a picco sul mare dell’isola di Lampedusa. I finanzieri hanno posto i sigilli alla villa perché ritenuta abusiva in alcune parti. In particolare, confrontando la licenza edilizia per la ricostruzione con i lavori in corso d’opera, avrebbero constatato una trasgressione dei limiti edilizi imposti. Il blitz alla villa di Baglioni rientra in una più ampia operazione delle fiamme gialle contro l’abusivismo edilizio a Lampedusa.
(Fonte: La Repubblica)
Dall'archivio di Rockol - presenta il suo Festival di Sanremo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
4 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.