Payola in Usa: spintarelle in radio in cambio di viaggi e massaggi

Fioccano le prime incriminazioni giudiziarie nell’ambito dell’inchiesta sulle “payola” che da mesi scuote il mercato radiofonico e musicale statunitense (vedi News). Stando alle accuse formulate dal pubblico ministero, tre ex dipendenti dell’emittente pubblica WUOM, gestita dall’Università del Michigan, si sarebbero fatti convincere a trasmettere con insistenza nei loro programmi certi brani musicali in cambio di tessere di iscrizione a golf club della zona, tappeti persiani, biglietti aerei, massaggi e altre prestazioni in natura assicurate dai loro corruttori. Questi ultimi, nella grande maggioranza dei casi, sarebbero promoter “indipendenti” a cui le case discografiche erano solite ricorrere prima che il gioco venisse smascherato dagli agenti federali e da funzionari governativi come Elliot Spitzer, il celebre e chiacchierato ministro della giustizia dello stato di New York.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.