Comunicato Stampa: IV edizione del Tanotango Festival

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

TanoTango Festival

Napoli, 25 giugno – 2 luglio 2006

Una città vestita di Tango

A Napoli per vivere le emozioni del Tango argentino: dal 25 giugno al 2 luglio la città ospita il Quarto TanoTangoFestival. Otto giorni di passi serrati, di suoni e colori, ed atmosfere calienti in un vortice itinerante di sensualità e di eleganza.

Pablo Veròn, protagonista del celebre Lezioni di Tango di Sally Potter, aprirà il Festival che toccherà alcune delle location più suggestive della città: dal trecentesco Castel Sant’Elmo alla Galleria Umberto I sino alle strade e alle piazze del centro antico perché il primo vero palcoscenico del tango fu proprio la strada.

Napoli, per otto giorni, si trasformerà in una grande e vivace milonga con performance on the road, spettacoli diffusi, concerti e lezioni di tango. Una grande festa di sguardi, di danze, di suoni, di languide emozioni sulle note di Astor Piazzola e Carlos Gardel, ma anche della più antica musica napoletana riletta in forma di Tango con gli arrangiamenti del maestro Antonello Paliotti. Tra classicismo e modernità.

Insieme a Pablo Veròn ci saranno grandi artisti internazionali ed interpreti sublimi del Tango di Buenos Aires come Alejandra Mantiñan y Gabriel Missé, famosi per i loro virtuosismi acrobatici, Javier Rodriguez e Andrea Misse, Sebastian Misse e Andrea Resero. Non solo balli, ma anche stage (per principianti e ballerini esperti), esibizioni e concerti con “El Arranque”, l’orchestra di tango più famosa al mondo, costituita da otto elementi: piano, basso, chitarra, due violini e due bandoneon.

Napoli - Buenos Aires, riallacciare i fili

C’è un filo ideale che lega Napoli a Buenos Aires e la sua memoria si perde nella storia delle origini del tango. Dal porto di Napoli un secolo fa partivano i bastimenti diretti verso la Terra d’Argento, l’Argentina. Bastimenti carichi di uomini e donne con le loro valigie piene di nostalgia e sogni di fortuna. Emigranti italiani che portarono nella nuova terra parole e musiche, melodie malinconiche ed un bagaglio culturale che presto andò a mescolarsi con il mondo dei gauchos della Pampa, dei bassifondi di Buneos Aires. Da qui nacque il Tango, incontro di popoli, culture e tradizioni.

Tano è la contrazione di "Napolitano" ed è un termine coniato ed ancora usato a Buenos Aires per indicare gli immigrati provenienti non solo da Napoli, ma d'origine italiana in generale. Napolitani sono dunque, per gli argentini, tutti gli italiani. Il festival rende omaggio a questo nome caldo ed evocativo per riscattarne almeno in parte l'originario senso dispregiativo, per riallacciare i fili di un passato non così lontano.

Gli Stage

Gli Stage del Festival Tanotango sono il vero nucleo del festival. Impegnano i quattro giorni conclusivi del Festival per un totale di 90 ore e sono differenziati per stile e per livello di preparazione dei partecipanti. Sono tenuti da maestri di fama internazionale: Pablo Veròn, Alejandra Mantiñan e Gabriel Missè, Javier Rodriguez e Andrea Misse, Sebastian Misse e Andrea Reyero, Damian e Nancy, Stefi Dionisi, Claudia Pane e Alice Rotondo. Parallelamente all'attività di stage vera e propria funzionerà uno spazio di approccio al tango con lezioni quotidiane tenute dai maestri della Milonga Porteña .

IV Tanotango Festival a cura di Stefi Donisi.
Organizzazione: la Milonga Portena
Patrocinio e Collaborazione di Regione Campania, Provincia di Napoli e Comune di Napoli.
Info e programma completo su www.tanotango.it
info 081 – 2428567
Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.