Comunicato Stampa: Il programa del World Music Theatre Festival di Udine

Comunicato Stampa: Il programa del World Music Theatre Festival di Udine
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Conto alla rovescia per l’attesissimo
World Music Theatre Festival
A Udine dal 29 marzo al 7 aprile 2006

UDINE – Grande attesa a Udine per la prima edizione del World Music Theatre Festival di Amsterdam (www.wmtf.nl). Attraverso cinque spettacoli provenienti dal Messico, dal Kenya, dal Marocco, dal Brasile e dalla Corea del Sud, prenderà appunto avvio quest’anno l’importantissimo gemellaggio culturale/operativo tra il “Giovanni da Udine” e il World Music Theatre Festival di Amsterdam, che propone e organizza nuove produzioni di teatro musicale da tutto il mondo. Dal 1996, queste produzioni sono state presentate ogni due anni in primavera nei maggiori teatri dell’Olanda e del Belgio. Ciò che rende unico il Festival è che permette a musicisti e teatranti extraeuropei di ideare nuovi spettacoli e presentarli in un contesto internazionale.
Questo il calendario completo dell’evento: mercoledì 29 marzo teatro musicale messicano con lo spettacolo «Frida Kahlo», sabato 1° aprile teatro-danza keniota con lo spettacolo «Kigezindoto», lunedì 3 aprile teatro-danza marocchino con lo spettacolo «Clandestin», mercoledì 5 aprile teatro musicale brasiliano con lo spettacolo «Bodas de sangue» e venerdì 7 aprile, in prima mondiale, teatro musicale coreano con lo spettacolo «Chunhyang». Il World Music Theatre Festival, ricordiamo, lavora in stretta cooperazione con i maggiori teatri olandesi ed è rappresentato in oltre venti città tra Olanda e Belgio e, da quest’anno, anche al “Giovanni da Udine”, unico partner italiano. Un viaggio di esplorazione attraverso differenti culture e linguaggi, agevolato dall’utilizzo dei sottotitoli, cosicché il pubblico possa godere non solo della musica e delle immagini, ma possa anche comprendere puntualmente la trama, lo humour, le emozioni.
Per ogni informazione, contattare i numeri 0432.248418/19 oppure consultare il sito ufficiale (www.teatroudine.it).

World Music Theatre Festival
Messico_Kenia_Marocco_Brasile_Corea

Teatro Nuovo Giovanni da Udine
Udine, 29 marzo_7 aprile 2006

Attraverso cinque spettacoli provenienti dal Messico, dal Kenya, dal Marocco, dal Brasile e dalla Corea del Sud, prende avvio l’importante gemellaggio culturale/operativo tra il “Giovanni da Udine” e il World Music Theatre Festival di Amsterdam, che propone e organizza nuove produzioni di teatro musicale da tutto il mondo. Dal 1996, queste produzioni sono state presentate ogni due anni in primavera nei maggiori teatri dei Paesi Bassi e del Belgio. Ciò che rende unico il Festival è che permette a musicisti e teatranti extraeuropei di ideare nuovi spettacoli e presentarli in un contesto internazionale. Il WMTF lavora in stretta cooperazione con i maggiori teatri olandesi ed è rappresentato in oltre venti città dell’Olanda e del Belgio e, da quest’anno, anche al “Giovanni da Udine”, unico partner italiano. Un viaggio di esplorazione attraverso differenti culture e linguaggi, agevolato dall’utilizzo dei sottotitoli, cosicché il pubblico possa godere non solo della musica e delle immagini, ma possa anche comprendere puntualmente la trama, lo humour, le emozioni.

mercoledì 29 marzo 2006 ore 20.45
Teatro del Farfullero, Mexico City, Messico
Frida Kahlo
Teatro musicale messicano
direttore artistico Mauricio Garcia Lozano
direttore musicale Federico Márquez Padilla
copione Ximena Escalante
scene e luci Phillipe Amand
Nimia Arts in coproduzione con WMTF
prima mondiale: 9 marzo 2006, Amsterdam

Si avvertono gli spettatori che per la crudezza di alcune scene lo spettacolo è sconsigliato alle persone impressionabili e ai minori.

Bella - ma dal corpo devastato dalla poliomielite e dalle conseguenze di un terribile incidente stradale - Frida Kahlo amava il Messico e la tequila, i sigari, la musica e gli uomini. Picasso e Kandinski l’ammiravano, per quanto da principio lei non abbia concesso gran credito a “quella combriccola dei surrealisti”. Fu l’artista più importante, acclamata e amata del Messico e nel contempo fu odiata e denigrata. Si sposò due volte con il pittore Diego Rivera, i cui quadri sono la fonte di ispirazione per l’allestimento di questo spettacolo.
• Federico Márquez Padilla, uno dei principali compositori ispano-americani d’oggi, assieme alla drammaturga e sceneggiatrice Gisel Amezcua Arenas ha realizzato la prima produzione messicana dedicata a questa straordinaria artista. Ne è nato uno spettacolo fortemente innovativo, ma anche autentica-mente messicano, per i ritmi indiavolati delle danze, per la travolgente presenza del Son, il blues messicano.

sabato 1 aprile 2006 ore 20.45
The Theatre Company, Nairobi, Kenya
KigeziNdoto
Musica e teatro-danza keniota
musiche Eric Wainaina
coreografi a Wyoma (Tanzania)
regia Mumbi Kaigwa
commissionato e co-prodotto dal WMTF
prima mondiale: 19 marzo 2006, Amsterdam

Con la sua Compagnia di venti musicisti, ballerini e attori dal Kenya e dalla Tanzania, la regista Mumbi Kaigwa racconta le speranze, i sogni e le aspirazioni delle donne dell’Africa orientale. Ki-genzi significa “cavigliere” e Ndoto significa “sogni” e per raccontare l’Africa Mumbi utilizza un suo peculiare stile, fatto di danza e movimento, di voci ridenti, cantanti, cantilenanti, dei suoni di campane, tamburi e campanelli da caviglia. Uno stile talvolta sommesso, spesso vivacemente chiassoso. La musica è di Eric Wainania, il più importante compositore keniota e le coreografi e sono ideate da Wyoma, coreografa specialista in danze tradizionali africane.
• Mumbi Kaigwa è una figura notissima in Kenya. Accanto alla sua attività come attrice e presentatrice è stata anche la prima regista che si azzardò ad allestire una versione africana dei “Monologhi della Vagina”. Ha viaggiato in tutto il mondo come ambasciatrice dell’UNESCO, ritornando in Kenya per fondare una sua compagnia teatrale e società di produzione.

lunedì 3 aprile 2006 ore 20.45
Taoufi q Izeddiou & Compagnie Anania
Marrakech, Marocco
Clandestin
Musica e teatro-danza marocchino
musiche Saïd Aït El Moumen - coreografi a/regia Taoufi q Izeddiou
Compagnie Anania, Institut Français de fes, Institut Français de
Meknès, in coproduzione e su commissione del WMTF
prima mondiale: 24 marzo 2006, Amsterdam

La partenza per luoghi lontani, l’emigrazione ed il ritorno in patria: nelle terre del Maghreb sono temi la cui origine si perde nella memoria umana. In anni recenti, tuttavia, specialmente nelle città universitarie, i giovani cercano di dissuadere la gente a fuggire dal Marocco verso l’Europa. Che cosa fa pensare alle persone che una sudicia perife-ria di Parigi, i quartieri ghetto delle grandi città occidentali, abbiano da offrire di più (a parte i soldi) che la pulsante vita di Marrakech?
• Taoufi q Izeddiou è un giovane promettente coreografo, teatrante e musicista. Con la sua compagnia di Marrakech, crea delle perfor-mance completamente nuove e stupefacenti, mescolando musica, danza e recitazione, ispirandosi alle antiche melodie popolari, in cui si canta della partenze per luoghi lontani, del ritorno a casa, dell’amore e della nostalgia, della semplice vita quotidiana. In Clandestin, questo repertorio – che scaturisce dall’autentico cuore della tradizione marocchina – è colmo di significato oggi come in passato.

mercoledì 5 aprile 2006 ore 20.45
Grupo Ventoforte, São Paulo, Brasile
Bodas de sangue
Teatro musicale brasiliano
musiche João Poletto
regia Ilo Krugli
3D3 Comunicação e Cultura, commissionato e co-prodotto dal WMTF
prima europea: 1 aprile 2006, Breda (Paesi Bassi)

Passione inappagata, orgoglio ferito e calore del Sud sono gli ingredienti del cocktail sensuale di “Nozze di Sangue”. Su invito del WMTF, Ventoforte ha creato una nuova
versione di una delle sue più esaltanti produzioni di successo, ispirata al dramma di Federico Garcia Lorca. In un villaggio in cui tutti sono imparentati, in cui ogni finestra nasconde un curioso, una donna si sacrifica per la famiglia accettando un matrimonio di convenienza. Ella sa, tuttavia, che non potrà sfuggire dall’amore vero. La verità potrà essere raggiunta solo attraverso la morte e il matri-monio si trasforma in nozze di sangue.
• Il Grupo Ventoforte di San Paolo ha uno stile esemplare nel raccontare storie d’amore, odio, potere e vulnerabilità attraverso la danza, la ritualità, il suono. Musica brasiliana, voci meravigliose e scene sfolgoranti riempiono il palcoscenico in ogni secondo dello spettacolo. La notorietà e il successo del Gruppo Vento Forte è cresciuta in tutta l’America
Latina durante i trent’anni di vita della Compagnia, ma fino ad ora il gruppo non aveva mai avuto la possibilità di venire in Europa.

56 venerdì 7 aprile 2006 ore 20.45
Eun me Ahn Company, Seoul, Corea del Sud
Chunhyang
Un amore impossibile - Teatro musicale coreano
direttore artistico Eun me Ahn
commissionato e coprodotto dal WMTF
prima mondiale: 7 aprile 2006, Udine

Quella di Chunhyang è una storia dell’antico repertorio coreano, tramandata con ogni mezzo, dal canto al film. Mongryong è il figlio di un ricco governatore che si innamora della bella Chunhyang, figlia di una cortigiana. Si sposano in segreto, ma Mongryong è costretto
a lasciare Chunhyang allorché lui e suo padre devono raggiungere la corte imperiale. Il nuovo governatore, Byon, sente parlare della leggendaria bellezza di Chunhyang e la pretende per sé. Lei lo rifiuta e viene imprigionata e torturata. Può la coppia resistere ai colpi che il fato infligge loro?
• Chunhyang è un esempio del “Pansori”, l’antica opera popolare coreana, poetica, commovente, ma anche erotica e umoristica. Lo stile del canto è fortemente espressivo: roco, profondo e drammaticamente intessuto di modulazioni vocali. La musica è dinamica e la danza è coreografata secondo una precisa idea di bellezza stilizzata. L’innovativa e controversa coreografa Eun me Ahn, di Seul, allestisce questa famosa opera seguendo strettamente la struttura drammatica della vecchia storia, con un allestimento, però, rivoluzionariamente nuovo.

ABBONAMENTO A 5 SPETTACOLI a posto fisso e data unica.

In vendita dal 20 febbraio

1. Frida Kahlo (29 mar.);
2. KigeziNdoto (1 apr.) ;
3. Clandestin (3 apr.) ;
4. Bodas de sangue (5 apr.);
5. Chunhyang - Un amore impossibile (Prima Mondiale/7 apr.)

Posto unico intero 60,00 euro
Posto unico ridotto* 40,00 euro
*abbonati Teatro Nuovo e giovani con meno di 25 anni
< Biglietti (in vendita dal 20 marzo)

Posto unico intero 15,00 euro
Posto unico ridotto* 10,00 euro

Teatro Nuovo Giovanni da Udine
via trento,4
33100 Udine
www.teatroudine.it
info: 0432.248418
Biglietteria : lunedì – sabato dalle 16.00 alle 19.00
(festivi chiuso)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.