EMI-Warner, una società di ricerche inglese dà per certa la fusione

“La questione non è se il merger si farà, ma quando”: così gli analisti londinesi della Enders Analysis sintetizzano i risultati di un approfondito studio sulle prospettive di fusione tra le case discografiche EMI e Warner Music reso pubblico in questi giorni. Secondo gli esperti della società inglese l’Unione Europea non dovrebbe porre ostacoli all’operazione, mentre lo scenario più probabile prevede che Edgar Bronfman Jr. e i suoi finanziatori in Warner decidano, al momento opportuno, di farsi da parte intascando una bella liquidazione e lasciando mano libera alla EMI (quest’ultima, a sua volta, si avvantaggerebbe del fatto di allargare in maniera consistente i suoi “asset” aziendali risparmiando contemporaneamente fino a 300 milioni di dollari all’anno sui costi di esercizio).
Non dovesse andare così, dicono quelli della Enders, sarà la Warner a comprare la EMI perché ormai è chiaro che l’unica soluzione da scartare a priori è quella della joint venture paritaria: che, lo dimostra il caso Sony BMG, rende estremamente problematico decidere chi comanda e procedere a un’integrazione rapida e indolore di culture aziendali diverse. Sul quando, comunque, gli analisti inglesi non si sbilanciano: voci ricorrenti sostengono tuttavia che non se ne parlerà prima del 2008.
Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.