Nasce Indye Music, CNI organizza e promuove concerti dei suoi artisti

Nasce Indye Music, CNI organizza e promuove concerti dei suoi artisti
Dopo quindici anni di coraggiosa attività discografica (Almamegretta, Agricantus, Sud Sound System, Daniele Sepe, Enzo Avitabile…) l’etichetta romana di Paolo Dossena e Luca Fornari salta lo steccato mettendosi a organizzare, e promuovere, i concerti dei suoi artisti. Succede in un momento in cui la flessione drastica delle vendite dei cd spinge molti operatori a cercare di diversificare l’attività. Ma non è questo, spiega a Rockol il coordinatore del progetto Massimo Bonelli (solo omonimo con il dirigente di Sony BMG), il motivo che ha convinto la Compagnia Nuove Indye a investire in una struttura dedicata, Indye Music, assumendo quattro nuove persone. “In passato CNI aveva già avuto un suo ufficio booking, la cui attività era tuttavia andata spegnendosi una volta che la gestione dei concerti dei gruppi più importanti, come Almamegretta e Sud Sound System, si era fatta sempre più faticosa e complessa. Lo riapre oggi in un momento in cui le vendite dell’etichetta registrano una crescita costante, in controtendenza col resto del mercato, grazie alla scelta della distribuzione autonoma. Non è un’idea originale né rivoluzionaria, quella di coordinare la promozione con i concerti, ma diventa una scelta cruciale oggi che si sono ristretti gli spazi promozionali, mentre diventa sempre più importante trovare un’eco sulla stampa o in certi circuiti radiotelevisivi: specie se, come nel nostro caso, non si hanno 30 o 40 mila euro da spendere nella realizzazione di un videoclip. La nostra forza, in questi anni, è stata quella di crearci una fitta rete di contatti, con i media, gli organizzatori di festival e i gestori di locali, e cercheremo di metterla a frutto con questa nuova iniziativa”.
Attorno ad ogni evento live e tournée, dunque, Indye Music cercherà di costruire, d’accordo con gli artisti, un vero e proprio piano promozionale. “Gli artisti emergenti”, spiega Bonelli, “sono abituati a sobbarcarsi trasferte in tutta Italia in cambio di un cachet che serve a malapena a coprire i costi. La prospettiva cambia se il concerto diventa anche l’occasione per organizzare showcase e interviste, incontrare i media locali. In passato, forse, i nostri sforzi non sono sempre stati coordinati, con il risultato di disperdere energie preziose: ora tutti insieme, etichetta, agenzia e artisti, punteremo dritti allo stesso bersaglio”. Si comincia, tra marzo e i mesi estivi, con date e tour di otto nomi del roster CNI: Alessandro Gwis, Alibia, Massimo Coen, Tabulè, Konsentia, Solo Trio, Edison Studio e Klezroym, i più noti del gruppo. “D’ora in avanti li seguiremo in tutte le fasi del progetto artistico”, conclude Bonelli, “dalla produzione e commercializzazione dei dischi al management e all’attività live. Se cambia l’approccio, la filosofia di CNI è sempre la stessa: far crescere gli artisti un passo per volta e sviluppare con loro rapporti di collaborazione a lungo termine”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.