Rockol Awards 2021 - Vota!

Le indie americane commentano l'inchiesta sulle payola: 'Ben fatto'

Don Rose (ex Rykodisc), Lesley Bleakley (Beggars Group), Steve Gottlieb (TVT Records), Doug Keogh (Roadrunner Records), Tom Silverman (Tommy Boy) e tutti gli altri: mentre l’implacabile procuratore generale dello stato di New York Elliot Spitzer trascina in tribunale i primi imputati del nuovo processo sulle payola (i responsabili del network radiofonico Entercom), i “colonnelli” dell’indie rock americano entrano nel vivo della questione con una lettera aperta indirizzata agli organi antitrust della Federal Communications Commission (FFC), che a loro volta hanno aperto un’istruttoria sul caso. I discografici indipendenti, per bocca della loro associazione A2IM, spiegano la situazione dal loro punto di vista: “mentre le indie rappresentano oltre il 27 % delle vendite sul mercato americano (e circa l’80 % della musica disponibile ai consumatori, in rappresentanza della vasta diversità culturale presente nel panorama musicale)”, scrivono, “la nostra musica è virtualmente assente dalle radio commerciali”. E questo, aggiungono, nonostante “l’industria indipendente stia vivendo un’esplosione e programmatori innovativi ne promuovano le canzoni sulle radio satellitari, le stazioni non commerciali e i Webcast”. “Anche se siamo molto preoccupati del fatto che generi musicali vitali come il jazz, la classica, il blues, il folk e il bluegrass sono scomparsi dalla programmazione dei grandi network”, concludono, “non chiediamo nuovi formati dedicati alla musica indipendente ma l’opportunità legittima di apparire nelle playlist delle radio commerciali: un’opportunità che crediamo ci sia stata negata proprio a causa delle pratiche su cui si sta indagando” (cioè lo scambio illecito di passaggi radiofonici in cambio di denaro o regalie in natura).
    Don Rose (ex Rykodisc), Lesley Bleakley (Beggars Group), Steve Gottlieb (TVT Records), Doug Keogh (Roadrunner Records), Tom Silverman (Tommy Boy) e tutti gli altri: mentre l’implacabile procuratore generale dello stato di New York Elliot Spitzer trascina in tribunale i primi imputati del nuovo processo sulle payola (i responsabili del network radiofonico Entercom), i “colonnelli” dell’indie rock americano entrano nel vivo della questione con una lettera aperta indirizzata agli organi antitrust della Federal Communications Commission (FFC), che a loro volta hanno aperto un’istruttoria sul caso. I discografici indipendenti, per bocca della loro associazione A2IM, spiegano la situazione dal loro punto di vista: “mentre le indie rappresentano oltre il 27 % delle vendite sul mercato americano (e circa l’80 % della musica disponibile ai consumatori, in rappresentanza della vasta diversità culturale presente nel panorama musicale)”, scrivono, “la nostra musica è virtualmente assente dalle radio commerciali”. E questo, aggiungono, nonostante “l’industria indipendente stia vivendo un’esplosione e programmatori innovativi ne promuovano le canzoni sulle radio satellitari, le stazioni non commerciali e i Webcast”. “Anche se siamo molto preoccupati del fatto che generi musicali vitali come il jazz, la classica, il blues, il folk e il bluegrass sono scomparsi dalla programmazione dei grandi network”, concludono, “non chiediamo nuovi formati dedicati alla musica indipendente ma l’opportunità legittima di apparire nelle playlist delle radio commerciali: un’opportunità che crediamo ci sia stata negata proprio a causa delle pratiche su cui si sta indagando” (cioè lo scambio illecito di passaggi radiofonici in cambio di denaro o regalie in natura).

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.