Francia, non passa la licenza legale sui download

Tirano un sospiro di sollievo i discografici e gli editori musicali, non solo francesi, che nelle scorse settimane avevano seguito con apprensione gli sviluppi del dibattito politico che in Francia accompagna l’introduzione della nuova legge sul diritto d’autore: gli emendamenti proposti a dicembre da un gruppo misto di parlamentari, che spingevano per la legalizzazione generalizzata (in cambio di una tassa “una tantum”) degli scambi di musica e film attraverso il p2p, sembrano destinati a non passare.

Svanisce dunque l’ipotesi di una licenza legale sul downloading, che ogni singolo utente avrebbe potuto regolarizzare pagando sul canone di abbonamento a Internet una quota supplementare destinata a finanziare un fondo royalty per gli artisti. E tutto sembra destinato a restare come prima, con l’eccezione di un alleggerimento delle sanzioni previste a carico di chi commette infrazioni senza fini di lucro e senza attivare flussi di file audio/video su scala industriale. Al dietrofront delle Camere ha contribuito la ferma opposizione del governo locale, che nelle settimane scorse aveva ritirato a scanso di equivoci la bozza di legge emendata e che, nella persona del ministro dell’Interno Nicolas Sarkozy, prima dell’inizio del dibattito in aula ha incontrato una delegazione di artisti composta da Julie Zenatti, Julien Clerc, Enrico Macias e Calogero. .


Durante la seduta parlamentare, che esponenti delle maggiori case discografiche locali hanno seguito direttamente dalle tribune riservate al pubblico, non sono mancati i tentativi di colpi di mano e le dichiarazioni polemiche: anche da parte di esponenti della maggioranza come l’on. Christine Boutin, convinta che le scelte “conservatrici” del governo spingeranno definitivamente gli utenti di Internet verso la pirateria. Da recenti stime, circa 10 milioni di francesi, quasi il 17 % della popolazione, scarica già musica da Internet senza pagare nulla ai titolari dei copyright.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.