Sanremo 2006: Aragozzini polemico sulle dichiarazioni del sindaco di Sanremo

Sanremo 2006: Aragozzini polemico sulle dichiarazioni del sindaco di Sanremo
Per anni direttore artistico del Festival di Sanremo, in un articolo firmato di suo pugno e pubblicato oggi dal quotidiano La Stampa, Adriano Aragozzini critica le ultime edizioni e polemizza con Claudio Borea, il sindaco della “Città dei fiori” che in conferenza stampa ha tracciato un bilancio positivo dell’ultimo festival. “Evidentemente”, scrive Aragozzini, “il sindaco non legge i giornali che all’unanimità hanno scritto che il festival così come è stato realizzato negli ultimi anni non ha più ragione di essere. Oggi il festival non assomiglia a quelli di un tempo, è diventato un grande show tv, in cui musica e canzoni non hanno alcuna importanza”. “La filosofia del Festival”, prosegue, “è stata stravolta. Che significa avere quattro categorie di cantanti, uomini, donne, gruppi, giovani e lo scorso anno persino classic? Forse le canzoni sono differenti per uomini, donne, gruppi e giovani?”. Aragozzini conclude il suo intervento ricordando che “i festival degli anni ’90 e ’91 sono stati unanimamente giudicati i due migliori mai realizzati e i loro ingredienti erano solamente canzoni e cantanti”. “Il Festival”, precisa, “è un bene prezioso per Sanremo, per la Rai, per l’industria del disco e per il pubblico. E’ naturale che la Rai cerchi di organizzare un festival televisivo, ma è altrettanto naturale che il Comune difenda il Festival della Canzone Italiana. D’altra parte se il Comune non tutela la manifestazione di sua proprietà, chi lo deve fare?”.
(Fonte: La Stampa)
Dall'archivio di Rockol - Tutti i vincitori del Festival di Sanremo dal 1961 al 1970
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.