Comunicato Stampa: Marc Carroll in concerto in Italia

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


UN GRANDE TALENTO CANTAUTORALE DA SCOPRIRE, DALL’IRLANDA ECCO LE MAGICHE CANZONI DI MARC CARROLL

Quattro appuntamenti per ascoltare i brani dei due album di Marc Carroll, cantautore delicato, magico e magnetico…

Per una serie di concerti arriva in Italia il talento cristallino di Marc Carroll, un songwriter puro e davvero toccante che presenta il suo secondo lavoro da solista intitolato World On a Wire, un disco profondamente legato alla tradizione del pop da camera, intenso, intimo e di grosso impatto emotivo.
Irlandese, Marc Carroll rappresenta a pieno la continuità della ricerca in ambiti cantautoraliche vanno da Dylan a Brian Wilson ma che di certo non dimenticano influenze esterne ed estranee come il punk dei Clash (la sua voce a tratti ricora quella di Joe Strummer).Stupisce Marc Carroll per il suo talento nell’arrangiare e nell’accostare un sentire acustico e vibrazioni più elettriche, il risultato è World On A Wire, uno dei dischi pop più interessanti in circolazione come lo era anche il precedente Ten Of Swords uscito nel 2002, di cui seguono alcune quotes della stampa internazionale.


- “One of the finest debuts of recent times” (Uncut)
- “A classic pop obsessive with a knack for crispy punky arrangements” (Daily telegraph)
- “He sounds like a jacked-up Wilco” (Village Voice)
- “An Engagging Debut with a soulful of The Byrds and Buzzcocks” (Mojo)

Marc Carroll, 32enne con “World on a Wire”, ci regala una raccolta di 11 brani fortemente introspettivi che sembrano voler rispecchiare le paure e le incertezze dell’uomo moderno. Carroll, non solo ha scritto tutte le canzoni, ma ha anche suonato ogni strumento in brani con legami forti con Cohen, Young ed i Byrds. A tutto merito di Carroll va la sua cover di “Gates of Eden” di Bob Dylan, che si può ascoltare sul sito ufficiale dello stesso Dylan.

Marc Carroll (voce, chitarra, tastiere)


Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.