NEWS   |   Press Kit / 02/03/2006

Comunicato Stampa: Marc Carroll in concerto in Italia

Comunicato Stampa: Marc Carroll in concerto in Italia
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

UN GRANDE TALENTO CANTAUTORALE DA SCOPRIRE, DALL’IRLANDA ECCO LE MAGICHE CANZONI DI MARC CARROLL

Quattro appuntamenti per ascoltare i brani dei due album di Marc Carroll, cantautore delicato, magico e magnetico…

Per una serie di concerti arriva in Italia il talento cristallino di Marc Carroll, un songwriter puro e davvero toccante che presenta il suo secondo lavoro da solista intitolato World On a Wire, un disco profondamente legato alla tradizione del pop da camera, intenso, intimo e di grosso impatto emotivo.
Irlandese, Marc Carroll rappresenta a pieno la continuità della ricerca in ambiti cantautoraliche vanno da Dylan a Brian Wilson ma che di certo non dimenticano influenze esterne ed estranee come il punk dei Clash (la sua voce a tratti ricora quella di Joe Strummer).Stupisce Marc Carroll per il suo talento nell’arrangiare e nell’accostare un sentire acustico e vibrazioni più elettriche, il risultato è World On A Wire, uno dei dischi pop più interessanti in circolazione come lo era anche il precedente Ten Of Swords uscito nel 2002, di cui seguono alcune quotes della stampa internazionale.

- “One of the finest debuts of recent times” (Uncut)
- “A classic pop obsessive with a knack for crispy punky arrangements” (Daily telegraph)
- “He sounds like a jacked-up Wilco” (Village Voice)
- “An Engagging Debut with a soulful of The Byrds and Buzzcocks” (Mojo)

Marc Carroll, 32enne con “World on a Wire”, ci regala una raccolta di 11 brani fortemente introspettivi che sembrano voler rispecchiare le paure e le incertezze dell’uomo moderno. Carroll, non solo ha scritto tutte le canzoni, ma ha anche suonato ogni strumento in brani con legami forti con Cohen, Young ed i Byrds. A tutto merito di Carroll va la sua cover di “Gates of Eden” di Bob Dylan, che si può ascoltare sul sito ufficiale dello stesso Dylan.

Marc Carroll (voce, chitarra, tastiere)