Virginio per la prima volta al Festival: ‘Non amo le competizioni’

Virginio per la prima volta al Festival: ‘Non amo le competizioni’
Nato a Roma 21 anni fa, Virginio ha presto capito quali fossero le sue più grandi passioni: la musica e la recitazione. E’ però a Milano, diversi anni dopo, che incontra Paolo Agosta, il cantante che lo presenterà a Ivo Grasso della Massive Arts, l’etichetta discografica con cui il giovane artista romano tuttora collabora. Virginio partecipa al Festival di Sanremo nella categoria Giovani, presentando il suo brano “Davvero”.

Sei emozionato per il tuo debutto al Festival?
“In realtà sto cercando di viverla in modo sereno, prendendola come un gioco, ovviamente nei limiti del possibile. Cerco di divertirmi, senza particolari tensioni e senza pensarci troppo. Sono convinto che andrà tutto bene: ho notato che per questa edizione c’è un livello organizzativo di grande qualità. Certo il Festival rimane pur sempre un programma televisivo, e come tale deve dare spazio anche allo spettacolo”.

Che rapporto hai con il Festival? L’hai sempre seguito?
“L’ho guardato spesso, anche se è impossibile riuscire a seguirlo tutto per una settimana intera. Ho sempre buttato un occhio anche su altre manifestazioni: comunque non amo molto le gare fine a se stesse, e non mi piace la competizione. Sono convinto che in realtà Sanremo sia molto di più di una sfida, e penso che per un emergente l’aspetto della gara venga messo in secondo piano”.

Com’è nato ‘Davvero’, il brano con il quale gareggerai?
“La canzone era già pronta da qualche anno, non è stata scritta appositamente per il Festival. L’ho realizzata pensando al rapporto che c’è tra me e mio padre: il testo descrive un periodo della mia vita in cui tra di noi c’era un muro. Le parole le ho scritte io, mentre per la parte musicale ha collaborato Paolo Agosta: gli ho fatto sentire il brano, e insieme abbiamo rivisitato alcune passaggi”.

Cosa ti aspetta dopo il Festival?
“Il 3 marzo sarà pubblicato il mio album d’esordio, ‘Virginio’: mi rendo conto che il titolo può sembrare banale, ma in realtà in questo disco c’è tutto me stesso, e non c’era un'altra parola che potesse esprimere al meglio questo concetto”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.