Michele Zarrillo: ‘Sono il decano del Festival’

Michele Zarrillo: ‘Sono il decano del Festival’
Con le sue 10 partecipazioni (la prima è del 1981) è il veterano del Festival di Sanremo 2006. A quest’edizione, a 25 anni dal suo debutto in Riviera, si presenta con una canzone che lui stesso definisce ‘minimale’, ‘L’alfabeto degli amanti’. Ma la storia musicale di Michele Zarrillo è iniziata ben prima di Sanremo, in ambiti apparentemente insospettabili per un cantante ritenuto (a torto) ‘da Festival’…

Hai debuttato al Festival del 1981, ma la tua carriera è iniziata prima, e non nel pop, vero?
“Sì, ho iniziato a fare musica in ambiti lontani dal canzone melodica a cui ora mi si associa ora per via di Sanremo. Suono dall’età di 14 anni, e ho debuttato nell’ambito progressive, con un gruppo, i Semiramis, che è rimasto nella memoria degli appassionati del genere. Poi, per un tour ho fatto il cantante dei Rovescio Della Medaglia, fino ad approdare al pop ascoltando cantanti come Billy Joel, e quindi a Sanremo”.

Cosa ti ricordi delle tue prime esperienze sanremesi?
“I primi Festival sono stati traumatici, e dopo il secondo mi sono ritirato dalle scene per diversi anni, fino a ritornare nel’87, quando ho vinto fra le Nuove Proposte. Di fatto sono riuscito a fare una professione della musica solo negli anni ’90”.

Cosa ti ha spinto a tornare quest’anno?
“Di solito si torna al Festival quando ne hai bisogno, e quando il Festival ha bisogno di te. Di fatto, con la televisione attuale dominata da reality show e simili, Sanremo è una delle poche occasioni che si hanno in Italia di presentare canzoni nuove ad un vasto pubblico. Paradossalmente, anche se mi si associa al Festival, le mie canzoni durante la settimana della gara non ottengono mai grandi riscontri. Per fortuna, però, dopo sono rimaste nel tempo”.

Hai mai avuto la tentazione, come qualche tuo collega, di usare un reality show per fare promozione se non alla tua musica almeno alla tua immagine?
“Assolutamente no e mi auguro che non si abbatta su di me una maledizione di questo tipo. Anzi, se tra qualche anno avrò cambiato idea, mi si ricordi e mi si rinfacci pure questa mia affermazione”.

Di cosa tratta la tua canzone, ‘L’alfabeto degli amanti’?
“E’ una canzone minimale, basata su un’armonia semplice, ma con delle sfumature di arrangiamento auliche: c’è un’arpa che dà un sapore celtico alla melodia. Il messaggio è legato alla grande fiducia che bisogna ritrovare nel prossimo, che stiamo perdendo giorno dopo giorno”.

Questa canzone dà il titolo anche al disco che esce nella settimana del Festival…
“E’ un disco è molto sfaccettato, dalla black music ad atmosfere acustiche. C’è un’eterogeneità che è molto simile al mio modo di essere: non mi sento legato ad un unico genere, ma alla musica in quanto tale, che a me piace tutta”.

Dopo Sanremo andrai in tour?
“Sì, partiremo il 24 aprile da Fermo, e da lì andremo avanti. Sarà uno spettacolo in cui suonerò i brani del nuovo disco, che credo si prestino bene al concerto, e quelli del mio passato. Ci saranno anche diverse sorprese, ma ovviamente non le posso anticipare, se no che sorprese sarebbero?”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.