NEWS   |   Italia / 27/02/2006

Dolcenera, ‘Grazie a Sanremo ho imparato a sciare’

Dolcenera, ‘Grazie a Sanremo ho imparato a sciare’
Sono passati tre anni da quando, al Festival di Sanremo del 2003, Dolcenera vinse nella categoria Giovani con il brano “Siamo tutti là fuori”. Dopo il successo arrivarono la delusione per l’esclusione dall’edizione dell’anno successivo e, successivamente, il riscatto con la partecipazione al reality-show “Music Farm”. Al prossimo Festival Dolcenera si presenta con una nuova canzone, “Com’e’ straordinaria la vita”, e tanti progetti.

Come affronterai questa tua avventura al Festival di Sanremo?
“Torno con uno stato d’animo un po’ particolare, perché il Festival di Sanremo è stato per me sia uno dei momenti più belli della mia vita, sia uno dei più brutti. Però l’esclusione del 2004 mi ha dato la possibilità di imparare a sciare. Infatti, dopo la batosta per il mancato invito, ho deciso di prendermi una vacanza in montagna e così, mentre si teneva il Festival, io, alla veneranda età di 27 anni, mi mettevo per la prima volta gli sci ai piedi!”.

Come è nata questa nuova canzone, ‘Com’e’ straordinaria la vita’?.
“E’ un brano che ho scritto con Roberto Pacco. Il testo è nato quest’estate mentre mi chiedevo: ‘Ma se mi invitano a Sanremo che faccia vorrei avere su quel palco?’. E non mi andava di avere la faccia di una che canta l’amore; così ho deciso di raccontare le emozioni più forti che ho provato negli ultimi anni, cioè gli alti e bassi della vita sia nel campo lavorativo sia nel campo personale. Come recita il testo: ‘un giorno ti senti come in un sogno e poi ti ritrovi all’inferno’. Successivamente Roberto mi ha proposto un suo spunto musicale e io ci ho aggiunto il ritornello e modificato alcune cose”.

‘Com’e’ straordinaria la vita’ sarà inserita in un nuovo disco?
“Sì, sono riuscita a terminare all’ultimo le registrazioni di un nuovo album nonostante ‘Un mondo perfetto’ sia uscito solo a maggio dell’anno scorso. Il disco si intitolerà ‘Il popolo dei sogni’, come una delle canzoni incluse nel CD”.

Parallelamente al Festival viene pubblicato anche un album di tue cover di classici del cinema. Come mai questa scelta?
“E’ nato tutto da un concerto che ho tenuto per una famosa casa di produzione cinematografica, in cui presentavo le mie versioni di alcune famose colonne sonore. Il concerto fu un successo e così decidemmo di registrare queste cover in un disco dove rielaboro questi brani anche in versione jazz, e riesco a far vedere una parte della mia anima musicale che ancora non è emersa nei miei dischi”.

Hai altri progetti in corso per il dopo-Sanremo?
“Ho appena registrato la colonna sonora del nuovo film di Tonino Zangardi che, forse, si intitolerà proprio ‘Com’e’ straordinaria la vita’. Il film arriverà nelle sale una settimana dopo il Festival”.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi