Rockol Awards 2021 - Vota!

Le major su MySpace: comincia Universal con i video on demand

I primi effetti collaterali negativi della popolarità (il sito in questi giorni è monitorato con attenzione dalle autorità di polizia perché, pare, assai frequentato da molestatori sessuali che lo usano per organizzare appuntamenti al buio con le loro ignare vittime) non bastano a interrompere la marcia trionfale di MySpace.com: è di queste ore la notizia che Universal Music, la più potente delle major del disco, sta per firmare un contratto di fornitura che renderà disponibili a richiesta, sulla piattaforma, migliaia dei videoclip del suo catalogo. Per la Universal, che sul video on demand a pagamento sta puntando molto come fonte alternativa di introiti, la mossa ha perfettamente senso, dopo gli analoghi accordi presi con Yahoo!, AOL e MSN (vedi News); per MySpace si tratta invece di un passo ulteriore verso quella “normalizzazione” che molti fan della prima ora, dopo il passaggio di proprietà a Rupert Murdoch, avevano pronosticato con una certa preoccupazione. E a questo punto è anche prevedibile che altre case discografiche si facciano avanti.
    I primi effetti collaterali negativi della popolarità (il sito in questi giorni è monitorato con attenzione dalle autorità di polizia perché, pare, assai frequentato da molestatori sessuali che lo usano per organizzare appuntamenti al buio con le loro ignare vittime) non bastano a interrompere la marcia trionfale di MySpace.com: è di queste ore la notizia che Universal Music, la più potente delle major del disco, sta per firmare un contratto di fornitura che renderà disponibili a richiesta, sulla piattaforma, migliaia dei videoclip del suo catalogo. Per la Universal, che sul video on demand a pagamento sta puntando molto come fonte alternativa di introiti, la mossa ha perfettamente senso, dopo gli analoghi accordi presi con Yahoo!, AOL e MSN (vedi News); per MySpace si tratta invece di un passo ulteriore verso quella “normalizzazione” che molti fan della prima ora, dopo il passaggio di proprietà a Rupert Murdoch, avevano pronosticato con una certa preoccupazione. E a questo punto è anche prevedibile che altre case discografiche si facciano avanti.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.