Musica digitale, una licenza unica europea per le canzoni di EMI Publishing

Musica digitale, una licenza unica europea per le canzoni di EMI Publishing
Rivoluzione (annunciata) in vista, nei rapporti tra titolari dei copyright musicali, società degli autori e distributori di musica digitale. Al Midem di Cannes il maggior editore musicale del mondo, EMI Music Publishing, ha annunciato di aver firmato un duplice contratto di rappresentanza con l’inglese MCPS-PRS e con la tedesca GEMA per l’autorizzazione all’uso del repertorio da essa amministrato in tutti i canali di distribuzione digitali, on-line e su reti mobili: questo significa che prossimamente qualunque negozio di musica digitale od operatore di telefonia mobile avrà un solo referente europeo a cui richiedere le autorizzazioni per la vendita delle canzoni del catalogo editoriale EMI, invece di seguire la più lunga e complessa trafila tradizionale che prevede la stipulazione di accordi territoriali paese per paese (in Italia con la SIAE, in rappresentanza degli autori e editori, mentre le case discografiche siglano contratti di licenza a parte). MCPS-PRS e GEMA, in base agli accordi presi con la EMI, dovranno costituire una joint venture incaricata di gestire le licenze centralizzate, che inizialmente riguarderanno solo il repertorio di origine angloamericana proveniente da Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Irlanda, Sud Africa, Nuova Zelanda e Australia.
Il nuovo sistema dovrebbe entrare in vigore dal 1° aprile, compatibilmente con le scadenze dei contratti che la EMI Music Publishing ha in essere sui diversi mercati europei. “Il nostro obiettivo”, ha spiegato il presidente continentale della società, Peter Ende, “è di contribuire all’accelerazione dei nuovi servizi di musica on-line e mobile in tutta Europa”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.