Musica digitale: finalmente on-line il catalogo della storica indie SST

Musica digitale: finalmente on-line il catalogo della storica indie SST
Black Flag, Bad Brains, Husker Du, Minutemen, fIREHOSE, Meat Puppets, i Soundgarden di “Ultramega OK”, i Dinosaur Jr… Dal punk californiano al grunge di Seattle, la SST degli anni d’oro (da fine anni ’70 a fine anni ’80) ha segnato come poche altre etichette le sorti e il percorso dell’indie rock americano. Fondata nel 1978 da Greg Ginn, chitarrista dei succitati Black Flag (l’acronimo sta per Solid State Transformers, ragione sociale di una ditta di componenti elettroniche già di sua proprietà), l’etichetta non aveva mai autorizzato, finora, la vendita del suo catalogo in formato digitale. Meglio tardi che mai: succede ora, in esclusiva per eMusic (altra bandiera della musica indie) fino al 17 gennaio con priorità in home page e altre iniziative promozionali, poi sulle altre maggiori piattaforme (iTunes, Napster, Msn, MusicMatch, Real/Rhapsody ecc.) e attraverso i servizi di telefonia mobile forniti da società come Vodafone, Arvato Mobile (Bertelsmann), Sprint e Zingy.
A chiudere l’accordo con l’etichetta californiana è stato il distributore di musica digitale The Orchard, che fa parte dello stesso gruppo di eMusic (Dimensional Associates, vedi News) e conta rapporti con oltre 125 negozi di musica digitali e 200 operatori di telefonia mobile nel mondo. Il pacchetto messo a disposizione da SST consta di 94 album, le cui canzoni potranno naturalmente essere acquistate singolarmente dai consumatori. “eMusic”, ha dichiarato Greg Scholl, chief executive di The Orchard, “è il canale giusto per presentare questo catalogo leggendario nel mondo digitale perché i suoi abbonati sono fan appassionati e capiscono ciò che SST rappresenta per la musica indipendente”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.