Pirateria: in Italia è in aumento quella 'privata'

In virtù della diffusione di Internet e delle comunicazioni on-line, sembra che la pirateria discografica in Italia stia assumendo connotazioni sempre più private e “fai da te”: è quanto emerge dal bilancio di fine 2005 stilato dalla federazione FPM, che segnala un aumento del 21 % nel numero di Cd contraffatti o illecitamente copiati sequestrati dalle forze dell’ordine durante l’anno appena concluso (1.

675.349 pezzi). Di questi, un numero crescente (il 16 %, contro il 10 % dell’anno precedente) è stato trovato nelle mani di privati cittadini, che sempre più spesso utilizzano la Rete e i siti di aste on-line per smerciare prodotti copiati e illegali: risultano in calo, di conseguenza, i sequestri a carico degli ambulanti e le operazioni che colpiscono organizzazioni specializzate nella duplicazione abusiva su larga scala. .


La Campania resta al primo posto nella produzione e distribuzione di prodotti musicali contraffatti, seguita da Lazio, Sicilia, Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.