Gorog (Napster): 'E' Apple che frena il mercato digitale'

Gorog (Napster): 'E' Apple che frena il mercato digitale'
Se le stime della vigilia saranno confermate, la nuova stagione natalizia allargherà di altri 10 milioni di pezzi, più o meno, il parco di iPod in circolazione negli Stati Uniti. Non è detto però che questa nuova impennata della domanda di lettori portatili andrà direttamente a beneficio anche dell’industria discografica, spingendo contemporaneamente le vendite di musica digitale legale. E’ ormai appurato infatti che molti possessori di player di file digitali li usano per copiarvi la propria collezione di Cd o la musica “rubata” gratuitamente da Internet, e gli ultimi dati raccolti da Nielsen SoundScan rivelano che in America i download legali settimanali sono mediamente calati dello 0, 44 % nell’ultimo trimestre.
Da Cupertino rispondono che i dati di vendita non tengono conto delle “cartoline regalo”, certificati pagati dai clienti di iTunes che permettono ad amici, parenti e fidanzati o fidanzate di ricevere gratuitamente musica dal sito, e che il flusso regolare dei download a pagamento riprenderà dopo Natale. C’è tuttavia chi si aspetta da Steve Jobs, indiscusso trascinatore del mercato digitale, nuove mosse decisive sullo scacchiere musicale: si parla già di un nuovo cellulare iTunes meglio equipaggiato e più efficiente del Rokr di Motorola (vedi News) che la società potrebbe presentare al Consumer Electronics Show di Las Vegas in gennaio, mentre qualcuno vorrebbe vedere Apple avventurarsi nel campo della musica a noleggio (ovvero in abbonamento: un modo, fanno notare in molti, per scoprire gruppi nuovi e sconosciuti senza rischiare denaro), rendere più flessibile la sua struttura di prezzi e aprire i lucchetti sul sistema proprietario di protezione dei file FairPlay. Tra questi Chris Gorog di Napster, che sostiene di avere mezzo milione di clienti desiderosi di connettere un iPod al suo servizio di musica digitale. “E’ l’iPod il cattivo, in questa storia”, ha detto senza mezzi termini il capo di Napster. “C’è in giro questo apparecchio amato dai consumatori, che però non possono fare altro che comprare musica da Apple. La gente si è stancata di questa situazione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.