Napster si espande: apre in Germania, l'anno prossimo in Giappone

Napster si espande: apre in Germania, l'anno prossimo in Giappone
Come il rivale iTunes, anche il nuovo Napster punta all’espansione sul mercato internazionale: dopo aver aperto nel Regno Unito nel corso del 2004 (vedi News) e mentre già si parla di uno sbarco in Giappone annunciato per la prima metà dell’anno prossimo, il negozio di musica digitale ha appena fatto il suo ingresso in Europa aprendo bottega in Germania, come da programma (vedi News). La versione tedesca del servizio offre oltre 125 mila album e un milione e mezzo di brani al prezzo europeo standard (inferiore a quello inglese) di 99 centesimi di euro a canzone, mentre l’abbonamento mensile costa 9,95 euro e quello all’opzione Napster To Go (per il trasferimento dei file audio su lettori portatili, vedi News) 14,95 euro al mese.
“La Germania è molto importante”, ha dichiarato il presidente della Web company Brad Duea. “E’ il più grande mercato musicale dell’Europa continentale, ha una forte diffusione di connessioni a banda larga e vanta una gamma diversificata di artisti locali” (nel catalogo iniziale, licenziato da major e indipendenti, figurano circa 20 mila album di repertorio tedesco). Per il lancio del servizio Napster ha chiuso accordi commerciali con rivenditori di elettronica di consumo, canali televisivi satellitari e produttori di lettori Mp3 come MakroMart, leader di mercato a livello locale. “Negli Stati Uniti”, ha spiegato Duea, “la quota di mercato di Apple è dell’85 %, ma in Germania è meno del 15 %”. All’inizio dell’anno, intervenendo al Midem di Cannes (vedi News), il numero uno della società, Chris Gorog, aveva anche indicato la Francia come prossimo punto di approdo di Napster (vedi News): se ne parlerà probabilmente nel 2006.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.