UK, autori contro case discografiche: 'Incassano troppo dai download'

UK, autori contro case discografiche: 'Incassano troppo dai download'
Autori di canzoni e case discografiche continuano a litigare, in Inghilterra, sulla spartizione della torta legata ai download musicali. L’organizzazione di categoria dei “songwriter”, MCPS-PRS, d’accordo con l’associazione dei manager Music Managers’ Forum, ha deciso di far sentire le sue ragioni al Tribunale del Copyright e sfida i discografici a rivelare quanto guadagnano dalle vendite di musica digitale. La sua azione nasce in risposta a una richiesta di rivedere lo schema delle royalty che allo stesso tribunale era stata presentata in giugno dalla BPI (British Phonographic Industry) con il consenso di sette fornitori di servizi digitali e di quattro operatori di telefonia mobile; al contrario, autori e compositori chiedono il riconoscimento di minimi garantiti e una percentuale aumentata dall’8 al 12 % su ogni download, “in linea con i parametri in vigore nella vendita dei Cd”.
Secondo la loro associazione di rappresentanza, accogliere le richieste della BPI vorrebbe dire ridurre da 5/6 pence a 2 pence la quota spettante agli autori su ogni canzone venduta on-line, mentre ai discografici vanno tra i 40 e i 50 pence sui 79 pagati mediamente da chi scarica una canzone sul pc. “Non si tratta di addossare un costo in più al consumatore”, spiega il documento, “ma di ridistribuire l’incremento dei profitti di cui le etichette si avvantaggiano grazie ai risparmi realizzati con la distribuzione digitale”. “L’industria discografica”, ha aggiunto l’amministratore delegato di MCPS-PRS Adam Singer, “dovrebbe adottare un nuovo pensiero economico per l’età digitale, così da sostenere la comunità dei compositori su cui fa affidamento”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.