Comunicato Stampa: ParmaJazz Frontiere Festival – X edizione

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


ParmaJazz Frontiere Festival – X edizione

“Incanti e Cantieri”
RESOCONTO DELLA CONFERENZA STAMPA

Parma- TEATRO AL PARCO, CASA DELLA MUSICA e CONSERVATORIO "A. BOITO", 10 - 18 dicembre 2005
Info Pubblico: 0521.200688, e-mail: info@parmafrontiere.it
www.parmafrontiere.it

Oggi, 2 dicembre 2005 presso la Sala Polifunzionale del Palazzo Sanvitale (Museo Bocchi) alle ore 11.

30 si è svolta la Conferenza Stampa della Decima Edizione di Parmajazz Frontiere. Ha presenziato l’incontro con la stampa il direttore artistico Roberto Bonati. Erano presenti il Presidente della Fondazione Monte di Parma Gilberto Greci, la Dottoressa Gabriella Meo per conto dell’Assessore al Turismo della Provincia, l’Assessore alla Cultura della Regione Alberto Ronchi, il direttore del Conservatorio Maestro Emilio Ghezzi, il Professor Giampiero Rubiconi consulente per l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma. Oltre al ricco programma del Festival, I principali ospiti della conferenza hanno tenuto a precisare lo spessore delle linee programmatiche della manifestazione, ricordando l’importanza del coraggio del fare spettacolo unito a contenuti e cultura. In questa linea, non a caso, si inseriscono I workshop di ParmaJazz Frontiere che l’organizzazione ha voluto assolutamente inseriti nel piano di studi del Conservatorio. Il quadro che ne nasce è quello di un festival capace, grazie agli artisti ospiti, di conferire alla città un profilo internazionale senza mai dimenticare il valore delle proprie origini e della propria storia. In una Parma che, non a caso, ambisce tanto fortemente all’immagine di città europea rimanendo al contempo orgogliosa della propria storia.



IL FESTIVAL

Dal 10 al 18 dicembre prossimi fari accesi sulla Decima Edizione di PARMAJAZZ FRONTIERE, il festival internazionale che da dieci anni promuove progetti nell’ambito del jazz e della musica contemporanea, di quel repertorio cioè che naturalmente e storicamente è luogo di incontro tra le multiformi culture ed i diversi linguaggi artistici che caratterizzano la contemporaneità del nostro "villaggio globale": il jazz, la musica improvvisata, la musica etnica e le musiche "classiche" extra europee.

Con un’attenzione particolarissima alla musica europea e ai giovani, nella convinzione che l’Europa sia uno straordinario laboratorio di produzioni artistiche e i giovani ne siano la linfa vitale. La manifestazione, organizzata dall’Associazione culturale ParmaFrontiere, grazie alla direzione artistica e alla creatività di ROBERTO BONATI, conferma in questa decima edizione la sua vocazione di evento di respiro internazionale e, come suggerisce il sottotitolo “Incanti e Cantieri”, la sua capacità di porsi al pubblico come evento-labortorio, terreno di incontro di grandi artisti e, nello stesso tempo, “cantiere”, luogo propositivo di idee, contaminazione e formazione, in cui dare vita a nuove creazioni. Certi che la musica non debba essere mai, e tanto meno al giorno d’oggi, un prodotto da museo, ma un vulcano di vitalissima creatività, anche nel confronto con la tradizione. .



La manifestazione è organizzata dall' Associazione Culturale ParmaFrontiere in collaborazione con l’Istituzione Casa della Musica e il Conservatorio “A. Boito” di Parma ed è realizzata grazie al contributo di Comune di Parma, Fondazione Monte di Parma, Regione Emilia- Romagna, Provincia di Parma, Dallara Automobili, Coop Consumatori Nordest, Tep S.p.A.

Il programma propone ospiti di grande prestigio, del calibro di Misha Alperin (pianoforte – Russia), John Taylor (pianoforte – Inghilterra), Markus Stockausen (tromba - Germania), Sylvain Kassap e Hélène Labarrière (clarinetti e contrabbasso – Francia), Pino Minafra Sud Ensemble (Italia).

Sarà dato spazio anche alle produzioni originali con il concerto Suoni Corsari - Appunti a Pier Paolo Pasolini del Roberto Bonati Quintetto, e il Progetto Serabanda, che coivolge i complessi bandistici di Borgo Val di Taro e Fornovo diretti dal M° Marco Remondini e dal M° Massimo Greco. Sono previsti, inoltre, due workshop di musica condotti da John Taylor e Misha Alperin, un seminario di danza contemporanea a cura di Anna Boschetti e una videoproiezione che farà ripercorrere allo spettatore dieci anni di storia del festival.



Uno spazio significativo della rassegna sarà inoltre affidato anche agli allievi del corso di perfezionamento jazz del Conservatorio A. Boito di Parma, impegnati in varie e diverse formazioni nel corso del festival.

PROGRAMMA
(ingresso euro 12, ridotto euro 8)
Biglietteria Teatro al Parco: 0521 992044

Biglietteria Casa della Musica: 0521 200688

CONSERVATORIO ARRIGO BOITO

venerdì 9 e sabato 10 dicembre

Workshop: John Taylor

CASA DELLA MUSICA
sabato 10 dicembre
John Taylor, piano solo ore 20.45

domenica 11 dicembre
Cartoons – Musiche dai film di Walt Disney, nell’interpretazione degli Studenti della classe di Jazz del Conservatorio “Arrigo Boito” ore 11.00
(bambini ingresso gratuito, adulti 3 euro)

Piano Trio, nell’interpretazione degli Studenti della classe di Jazz del Conservatorio “Arrigo Boito” ore 18.30
(bambini ingresso gratuito, adulti 3 euro)

TEATRO AL PARCO

15, 16 e 17 dicembre

Laboratorio di danza: a cura di Anna Boschetti

TEATRO AL PARCO
venerdì 16 dicembre

Serabanda- “Note da cinema” – Progetto del M° Marco Remondini e del M° Massimo Greco con le Bande di Borgo Val di Taro e Fornovo (Produzione appositamente pensata per il Festival) ore 20.45 Pino Minafra Sud Ensemble ore 22.30
Jazz Club 23.30 (Foyer del Teatro)

16- 18 dicembre
Dieci anni in bianco e nero Fotografie di Pietro Bandini - Videoproiezione a cura di Roberto Morelli

sabato 17 dicembre
Cantiere Incantato, Performance conclusiva del Laboratorio di danza a cura di Anna Boschetti - ore 18.30

Misha Alperin, piano solo- ore 20.45
Roberto Bonati Quintetto “Suoni Corsari. La dolcezza e il grido – Appunti a Pier Paolo Pasolini” (Italia) - produzione originale- ore 22.30
Jazz Club 23.30 (Foyer del Teatro)


domenica 18 dicembre

Sylvain Kassap - Hélène Labarrière duo (Francia) ore 20.45 Trio Stockhausen, Comisso, Thomé (Germania, Italia) ore 22.30 Jazz Club 23.30 (Foyer del Teatro)

VIA GARIBALDI
domenica 18 dicembre
Banale Jazz Quartett (via Garibaldi - ore 16,30)

CONSERVATORIO ARRIGO BOITO
Domenica 18 e lunedì 19 dicembre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.