New York, il procuratore Spitzer contro i Cd Sony: 'Restituiteli al mittente'

Il combattivo ministro della giustizia newyorkese, che già turba i sonni delle major discografiche con le sue indagini sulla corruzione radiofonica (vedi News), ha nuovamente preso di mira la Sony BMG per la ben nota vicenda dei Cd che mettono a repentaglio il funzionamento dei computer causa i loro maldestri software anticopia (vedi News). Spitzer ha mandato i suoi uomini a curiosare tra gli scaffali di Wal-Mart, Best Buy, Virgin e di altri negozi newyorkesi e, una volta verificato che i Cd inclusi nella “lista nera” sono ancora in vendita, ha invitato pubblicamente i consumatori a non comprarli o, nel caso lo abbiano già fatto, a restituirli al punto vendita chiedendone il rimborso.

“E’ inaccettabile che a più di tre settimane da quando si è venuto a sapere di questo serio problema i Cd siano ancora sugli scaffali durante il periodo di acquisti più intenso dell’anno”, ha detto Spitzer. “Invito caldamente tutti i negozianti a ritirarli dalla vendita e a rispedirli indietro alla Sony”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.