Nasce Red Ink, Sony BMG cerca partnership nel mondo indipendente

La brutta aria che tira sul mercato discografico invoglia all’associazionismo, alla creazione di consorzi, alla nascita di etichette “ombrello”.

E così, dopo la Cooperative Music appena lanciata dalla V2 di Richard Branson (vedi News), anche Sony BMG torna alla carica con Red Independent Network o Red Ink, organizzazione internazionale di servizi che si propone come partner per etichette indipendenti che desiderino “lavorare” il proprio repertorio all’estero e cercare fortuna al di fuori dei rispettivi mercati nazionali. Non è un’idea nuova per la Sony, che negli Stati Uniti controlla una struttura analoga e quasi omonima, Red, e che nel Vecchio Continente aveva già allestito una decina di anni fa qualcosa di simile, Sony Independent Network Europe (Sine, a cui aderivano etichette come Independiente, Skint, Nude e la Creation degli Oasis). “Ma allora quel che facevamo era sostanzialmente fornire servizi di distribuzione e di back office, mentre Red Ink provvederà anche al marketing e alla promozione degli artisti” spiega Tim Bowen, il responsabile Sony BMG per i paesi di lingua inglese che dirigerà la divisione. .


I primi paesi coinvolti nel progetto Red Ink sono Regno Unito, Germania, Benelux, Australia e Canada, ognuno dei quali disporrà di propri uffici locali: ma altri ne seguiranno l’anno prossimo. Poiché la nuova struttura ha respiro extraeuropeo, avrà la possibilità di collaborare strettamente anche con la Red americana e con le indie d’oltre oceano che vi aderiscono. Ai servizi di Red Ink ricorrerà inoltre la stessa Sony BMG per lo sviluppo dei propri artisti emergenti: con l’obiettivo, spiega ancora Bowen, di non bruciarne subito le potenzialità e di farli crescere gradualmente attraverso la costruzione di una fan base.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.