Cd & spyware: lo stato del Texas contro Sony BMG

Cd & spyware: lo stato del Texas contro Sony BMG
Contro la multinazionale discografica colpevole di aver messo in commercio Cd che espongono i computer all’invasione di virus informatici (vedi News) scende ora in campo il Texas intero: il ministro di Giustizia dello stato americano, Greg Abbott, intende infatti trascinare in tribunale Sony BMG con l’accusa di aver violato le leggi nazionali che puniscono la diffusione di “spyware”, file e programmi installati sui pc all’insaputa degli utenti. “I consumatori che hanno acquistato un Cd della Sony pensavano di avere comperato della musica”, ha detto il rappresentante del governo texano. “Invece hanno ricevuto degli spyware che possono danneggiare il computer e assoggettarlo al rischio di virus, o esporre loro stessi ad attività di investigazione criminale. E’ una variante tecnologica di una vera e propria attività di spionaggio”.
La denuncia depositata da Abbott aggiunge che i file installati all’insaputa del consumatore funzionano anche quando non è attivato il “player” che riproduce la musica e che collaboratori del procuratore sono stati in grado di acquistare numerose copie dei Cd che li contengono anche dopo che Sony BMG aveva assicurato di averne disposto il ritiro dal mercato (vedi News). Abbott chiede una sanzione di 100 mila dollari per ogni singola violazione di legge accertata, più la copertura delle spese legali e investigative. Un ricorso analogo nei contenuti è stato presentato in California dal gruppo di pressione Electronic Frontier Foundation.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.