MEI 2005: ‘Il futuro è nella cooperazione’

E’ stata presentata oggi, martedì 15 novembre, a Milano, la nona edizione del MEI, il meeting delle Etichette Indipendenti che avrà luogo il 26 e 27 novembre a Faenza. A presentare la manifestazione è stato il patron Giordano Sangiorgi il quale, dopo aver annunciato alcuni degli eventi principali e i vincitori dei premi dedicati agli indipendenti, ha dato alla parola ad alcuni ospiti tra cui Paolo Franchini della Edel Italia il quale ha presentato il progetto “edelNet” (vedi News) e la compilation “I-ndipendente”. “Ci siamo resi conto che al Mei vengono presentati molti artisti che però non riescono ad avere la visibilità che meritano”, ha spiegato il presidente della label. “Così abbiamo contattato iTunes e abbiamo deciso di creare una compilation contenente cinquanta brani di artisti debuttanti che sarà venduta al prezzo di 9.99€ (0,99 centesimi per brano). Per proporre il proprio materiale basterà recarsi al nostro stand al MEI, dove verrà allestito uno spazio dedicato all'operazione in cui ci si potrà iscrivere e lasciare la propria musica”. La raccolta sarà data in esclusiva per tutta l’Europa a iTunes Music Stores.
Sempre sul tema dello spazio da dedicare ai giovani musicisti, Giordano Sangiorgi ha annunciato che al Teatro Fellini di Faenza, Gianmarco Mazzi, direttore artistico del Festival di Sanremo, terrà delle audizioni per cercare alcuni giovani da proporre alla celebre kermesse musicale.
Tra i tanti ospiti intervenuti alla presentazione del Mei 2005 c’è stato anche l’inatteso intervento di Piero La Falce, presidente della Universal Italia il quale ha espressamente richiesto di partecipare ad un evento che si contrappone al mondo delle major. “Voglio fare i complimenti a Giordano Sangiorgi per aver creato un evento che sta crescendo costantemente. Ed è per questo che ho deciso di prendere quattro stand dove darò spazio alle etichette indipendenti che distribuiamo attraverso la Universal”, ha spiegato La Falce. “La mia dedizione alle etichette indipendenti è totale perché trovo che siano delle importanti radici di ricerca. Tuttavia, non trovo che ci siano dei punti di frizione dal punto di vista discografico con le realtà più grandi”.
La Falce ha voluto dire la sua sulla frammentazione di associazioni di discografici ora divise in FIMI, AFI e la neonata PMI: “Credo che, se riuscissimo ad operare insieme su un piano comune, ci sia la possibilità di far crescere la musica”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.