In galera la guardia del corpo del rapper Big Punisher

In galera la guardia del corpo del rapper Big Punisher
Felix Cabrera, 33 anni, guardia del corpo del rapper Big Punisher, è finito in galera per 60 giorni. Il giudice Nanci Grant l’ha ritenuto colpevole del reato imputatogli, e cioè d’aver fatto fuoco con una pistola all’interno di un locale da concerto. Il fatto era avvenuto lo scorso mese di luglio a Pontiac, Michigan. Cabrera aveva sempre sostenuto d’aver fatto fuoco in aria, con una 9 mm., al solo scopo di sedare gli animi degli spettatori, anche se l’effetto ottenuto fu opposto; gli spettatori, infatti, si misero ad attaccare la polizia. Cabrera ha anche ricevuto una multa da 2060 dollari, ma si può dire che gli sia andata bene visto che rischiava fino a quattro anni di carcere. L’ultimo album di Big Punisher, “Capital punishment”, pubblicato lo scorso aprile, aveva raggiunto il quinto posto delle charts USA.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.